Il Cavaliere Oscuro “il ritorno” un vero successo, ma ci sarà un sequel?

Di Andrea White Mezzelani
30 agosto 2012

Attenzione questo articolo contiene spoiler, se non hai ancora visto il film Il Cavaliere Oscuro “il Ritorno” e vuoi i dettagli sul nuovo capitolo di Batman vai su questa pagina.

Ieri l’esordio, dopo l’anteprima di qualche giorno fa, di Batman Il Cavaliere Oscuro “il ritorno” è stato un vero successo. Pensate che solamente nella giornata di ieri, solo in Italia, i produttori del film hanno incassato poco meno di 1,3 milioni di euro, cifra che, se sommata agli incassi ottenuti con l’anteprima supera i 2 milioni di euro. L’epilogo della saga del Cavaliere Oscuro ha spiazzato tutti con incassi record in Italia come in tanti altri paesi. Christopher Nolan non delude! La sua esperienza maturata in anni di lavoro si vede tutta. Il suo ingegno ha reso il Cavaliere Oscuro interessante anche per i non simpatizzanti del super-miliardario mascherato da pipistrello. Secondo alcuni sondaggi recenti da importanti magazine di cinema, la saga di Nolan su Batman è indubbiamente una di quelle meglio riuscita di sempre (secondo alcuni la migliore in assoluto).

Tantissimi gli effetti speciali, talvolta forse un po’ esagerati ma che possiamo superare se consideriamo che si parla di un genere fantasy. Il film è ben costruito, senza pause morte, ogni dettaglio è curato nei minimi particolari come solo un regista del calibro di Nolan poteva fare. Gli attori si sono calati molto nella parte (d’altra parte i più importanti sono stati confermati dai capitoli precedenti e parliamo di attori famosissimi: Gary Oldman, Morgan Freeman), in particolare notiamo una Anne Hathaway strepitosa nei panni di Catwoman. I doppiatori di alcuni attori sono cambiati ma solo i più acuti e attenti se ne sono accorti, dato che in pochi fanno attenzione ai doppiatori.

Nolan è l’unico che è riuscito a rendere chiaro il dualismo dell’eroe. Batman (Christian Bale), l’unico eroe tra i più famosi che non ha superpoteri, investe tutto il suo patrimonio per rendere Gotham una città migliore e ci riesce. Poi dopo aver riposto la sua fiducia su una persona non completamente sana di mente (Harvey Dent) rischia tutto; Dent infatti sottoposto ad una tortura che lo costringe a vedere la sua ragazza morire (la stessa che Bruce Wayne porta nel cuore) impazzisce e per vendicarsi viene veicolato dal terribile Joker a scatenare la sua rabbia sul commissario Gordon e altri mostrando la sua parte perversa e criminale alla città intera. Qui emerge il dualismo dell’eroe, un eroe non fine a se stesso ma in grado di sopportare il peso che  nessun altro può sopportare. Infatti Batman, il cavaliere oscuro, si fa carico delle vittime della pazzia di Dent o Due facce per far nutrire la speranza dai cittadini di Gotham che un uomo non corrotto al potere può esistere.

Su questo scenario si apre il Ritorno del cavaliere oscuro costretto a combattere Bane (Tom Hardy) che prende letteralmente sotto assedio Gotham City. Come sconfiggere  un uomo così forte da non sentire dolore grazie ad una maschera che gli pompa antidolorifici 24ore su 24? Come uscire da una prigione inviolabile? E’ ritrovando il suo spirito, lo spirito con cui aveva iniziato a proteggere la sua città e che il male aveva corrotto fino a marcirlo dentro tanto da costringere il suo alter ego Bruce Wayne a isolarsi dal mondo, che Batman risorgerà e avrà la meglio.

Ma ora che la saga è finita come proseguirà? Ci sarà un sequel?

Per ora sappiamo che C. Nolan ha dichiarato che non intende fare altri film sulla saga di Batman. La storia si conclude con Bruce Wayne in vacanza a Firenze con Catwoman (Anne Hathaway) (che ha smesso di fare la “ragazza cattiva” per accompagnare l’ex miliardario che ha perso tutti i suoi averi per colpa dell’attacco di Bane) dopo che il suo alter ego Batman ha salvato Gotham da un bomba nucleare facendo credere a tutti di essere morto nel tentativo. Solo il suo fedele maggiordomo Alfred (Michael Caine) conosce la verità sulla fine di Bruce Wayne.

Nel frattempo Batman fornisce ad un’ex poliziotto (ed ex detective nell’unità speciale di Gordon) i dettagli per raggiungere la sua caverna dove restano celati gli accessori del Cavaliere Oscuro e il suo costume. Uno scorcio su questo particolare fa intendere che Joseph Gordon-Levitt, l’ex poliziotto, diverrà Robin, il fedele aiutante di Batman. Un continuo sembra dunque esserci o perlomeno la produzione e Nolan hanno voluto lasciare questa possibilità, ora non ci resta che aspettare e fantasticare su un possibile sequel del Cavaliere Oscuro – il ritorno –, magari con Batman, Robin & Catwoman insieme a combattere il male.



Drogato di cinema e cresciuto a "pane e videogames". Nel cinema cerco qualità che troppo spesso ultimamente lascia posto ad una commercializzazione sfrenata. I videogiochi sono il futuro dell'intrattenimento; sarebbe stupido pensare altrimenti e speriamo che in Italia questa consapevolezza si espanda. La musica da sempre mi appassiona, ascolto di tutto e lego particolari momenti a delle canzoni che diventano, così, vere e proprie colonne sonore della mia vita. Adoro informarmi, conoscere e sperimentare.