Murder on Trial in Italy: il film su Amanda Knox

Di Federico "Blue" Marchetti
5 febbraio 2011

Il 21 febbraio 2011 sarà presentato in USA in anteprima mondiale una pellicola che farà sicuramente molto discutere: Murder on Trial in Italy. Si tratta di un film basato sul delitto tutt’oggi irrisolto di Meredith Kercher il 1 novembre 2007 a Perugia. Nella vicenda sono coinvolti Raffaele Sollecito e Amanda Knox, e il film, che cercherà di ricostruire la vicenda, sarà incentrato proprio sulla storia della ragazza americana, di quella serata misteriosa e sulla vicenda giudiziaria in cui è stata coinvolta. La pellicola è diretta da Robert Dornhelm e la protagonista del film Amanda Knox sarà interpretata da Hayden Panettire.

Il film è stato girato senza che i diretti interessati e le loro famiglie fossero stati informati e secondo quanto riporta l’ANSA, il padre di Meredith avrebbe commentato cosi’ dopo aver visto le immagini: “Le scene sono assolutamente orripilanti. Quello che i produttori del film hanno fatto è terribile. Mi avevano detto che la bozza originale del film prevedeva di arrivare fino al momento dell’assassinio, ma non di mostrarlo. E’ ovvio da queste immagini che invece lo mostreranno”. Anche le famiglie di Raffaele e di Amanda hanno espresso un giudizio negativo sulla pellicola e per questo hanno promesso di agire per vie legali qualora il film fosse trasmesso al pubblico.

Il film di sicuro non sarà trasmesso al cinema ma solo nel piccolo schermo per l’ emittente americana LifeTime. Chi ha seguito le reali vicende giudiziarie di questa triste storia sà che gli USA hanno cercato in tutti modi di strappare Amanda Knox alla giustizia italiana e di riportarla in partria per regalargli la libertà. Murder on Trial in Italy è una pellicola chiaramente di parte americana, volta unicamente a screditare l’efficiacia della magistratura italiana e della polizia di stato e a dare ad Amanda il ruolo dell’eroina, guarda caso proprio a pochi dall’apertura del nuovo processo sulla vicenda.



Press play on tape: cresciuto a suon di C64 e Coin-op, mi diverto a seguire l'evoluzione videoludica next-gen. Co-Founder dell'universo Uagna, ho lavorato a fondo per far nascere una community videoludica di successo ma differente dalle altre esistenti. "Sono sempre pronto ad imparare, non sempre a lasciare che mi insegnino".