Secondo un insider il DCEU dirà addio ai crossover (per ora)

Di Andrea "Geo" Peroni
5 luglio 2018

Soltanto il mese scorso vi abbiamo riportato alcune informazioni dell’Hollywood Reporter sul cambio ai vertici della DC Films e sulle intenzioni del nuovo presidente Walter Hamada. Dopo il flop di Justice League, infatti, l’intenzione sarebbe quella di suddividere i prodotti tratti dai fumetti DC in due etichette separate, con il DCEU che continuerebbe per la sua strada e un nuovo universo cinematografico, chiamato forse DC Dark, con altri attori e altre tipologie di film. Per maggiori informazioni, vi lasciamo la notizia qui.

Non sarebbe però tutto. A quanto pare il flop di Justice League, seguito alle numerose critiche mosse a Batman V Superman: Dawn of Justice nel 2016, ha avuto effetti peggiori del previsto in casa Warner, che ora ha cambiato pare radicalmente la propria linea editoriale del progetto.

L’insider David R, su Twitter, ha infatti confidato nella giornata di ieri che la DC Films, per volere naturalmente di Hamada, avrebbe intenzione di rivoluzionare i propri piani, a partire dall’abbandono, forse momentaneo o forse no, di un sequel di Justice League. Lo studio, secondo l’insider, sarebbe ora intenzionato a spingere maggiormente su film stand-alone come Wonder Woman 84, Aquaman, Shazam! e il futuro film di Flash, piuttosto che su un nuovo crossover sul grande schermo per riportare in scena la Lega della Giustizia.

Con queste considerazioni, assumono maggior significato sia le tante notizie sul possibile addio di Ben Affleck a Batman, sia le informazioni trapelate dall’Hollywood Reporter il mese scorso, che parlavano di un Hamada fortemente interessato a spingere prodotti come Green Lantern Corps. e Birds of Prey senza pensare ad un Justice League 2. Ironia della sorte, Justice League 2, tutt’oggi, viene ancora segnalato in uscita nel 2019. Ma sappiamo benissimo che ormai è qualcosa di completamente irrealizzabile. È probabile che il film, prima o poi, vedrà la luce, ma questo dipenderà dai futuri stand-alone in programma.



Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.