Ricaricare la batteria del telefonino con la voce

Di Federico "Blue" Marchetti
15 maggio 2011

Questa è l’ultima innovazione in ambito tecnologico che arriva direttamente dall’Università sudcoreana di Sungkyunkwan: sfruttare la voce come fonte di energia. Le vibrazioni sonore producono energia e questa squadra di ingegneri di Seoul stanno utilizzando questa idea per realizzare dei nuovi modelli di telefoni cellulari che abbatteranno in maniera significativa lo sfruttamento della rete elettrica per ricaricare la batteria del telefono.

E’ già stato creato un prototipo funzionante: un materiale fonoassorbente è collegato alla batteria del telefono cellulare che trasmette le vibrazioni a filamenti di ossido di zinco. Questi ultimi reagiscono all’impulso contraendosi ed espandendosi creando dunque elettricità. Il prototipo attualmente non è in grado di generare molta energia, visto anche il poco spazio a disposizione che c’è in un telefono mobile. Le premesse sono buone ma ci vorrà del tempo per sviluppare e migliorare questa idea.

Saranno quindi contente tutte le compagnie telefoniche di questa nuova frontiera tecnologica, piu’ parlate e piu’ vi ricaricate.



Press play on tape: cresciuto a suon di C64 e Coin-op, mi diverto a seguire l'evoluzione videoludica next-gen. Co-Founder dell'universo Uagna, ho lavorato a fondo per far nascere una community videoludica di successo ma differente dalle altre esistenti. "Sono sempre pronto ad imparare, non sempre a lasciare che mi insegnino".