Far Cry Primal è il retroscena della guerra tra Assassini e Templari?

far cry primal
Di Alberto "Seven" Baldiotti
12 marzo 2016

Poco più di una settimana fa, in questo articolo, vi avevamo esposto una serie di teorie riguardanti Far Cry Primal, elaborate dai Game Theorists e raccolte in un video molto interessante. Tutte queste teorie sono risultate abbastanza credibili e l’idea di fondo non è pura immaginazione. Ribadiamo questa idea: Far Cry Primal potrebbe essere ”l’anello mancante” dell’universo Ubisoft, ovvero il gioco che ha creato un filone logico lunghissimo, legato a molti altri titoli della casa francese.

Il video dei Game Theorists ha scaturito in noi una gran voglia di approfondire questa tematica; per questo, abbiamo deciso di raccogliere e ampliare queste teorie all’interno di un nostro personale video. Più nello specifico, i nostri Andrea Ferrazza (aka Mr. Ferrix) e Andrea Peroni (aka Mr. Geo) sono giunti alla conclusione che Far Cry Primal potrebbe essere la chiave di lettura non solo per ogni Far Cry, ma anche per una serie ambientata ben più tardi: Assassin’s Creed. Ma che legame esiste tra i due?

Cominciamo col dire che, nell’articolo precedente, abbiamo commesso un errore sull’ambientazione. Il video dei Game Theorists, infatti, indicava Takkar come abitante dell’Africa centrale e ci siamo fatti portare fuori strada proprio da questo dettaglio. Come tutti voi sapete, Far Cry Primal si sviluppa nell’Europa Centrale, come indicato dal gioco stesso. Tuttavia l’Europa citata all’inizio del gioco potrebbe ancora non essere la reale ambientazione in cui si svolge il tutto.

In quel momento del gioco, infatti, stiamo teoricamente migrando verso la terra di Oros, il territorio ”sognato” dalla nostra tribù. Quindi Takkar e gli altri membri della tribù si trovano in Europa, ma si stanno spostando verso altre terre. A questo punto, con un po’ di immaginazione, è facile arrivare ad una prima conclusione: Oros potrebbe essere l’antenata dell’odierno Nepal, ovvero il territorio dove è ambientato Far Cry 4. Logicamente Ubisoft ha deciso di non mostrare tutta la migrazione, che avrebbe sottratto sicuramente molte ore di gameplay alla trama principale.

Dove vogliamo arrivare? La questione della mappa estremamente simile tra Far Cry Primal ed il quarto capitolo, ne siamo ormai certi, ha un senso: la mappa non indica, ovviamente, che i due titoli si sviluppano nello stesso identico luogo, ma con tutta probabilità vuole giustificare l’esistenza di un filo logico tra i due titoli.

Far Cry Primal Caccia ai Mammut

Tornando alla serie di Assassin’s Creed, ricordiamo innanzitutto che ogni assassino da noi controllato aveva la capacità di vedere cose non visibili dalle altre persone, oltre alla capacità di focalizzare la vista su di un bersaglio specifico. Questa sorta di potere, come ben sapete, è chiamato Occhio dell’Aquila. Ma questo potere è estremamente simile alla Vista del Cacciatore di Takkar, il che fa pensare che Takkar potrebbe essere il ”capostipite” degli assassini. Attenzione: questo non significa che egli sia il primo assassino di tutti, ma che in un certo senso possa aver tramandato la sua abilità di generazione in generazione.

Notiamo inoltre che nella serie degli Assassin’s Creed non è mai stata chiarita la data di nascita dell’ordine degli assassini, dunque nulla ci impedisce di collegare il tutto proprio a Far Cry Primal. Ricordate alcuni easter egg chiaramente riferiti alla popolare serie videoludica di Ubisoft? Un paio di esempi: Il salto della fede, che vi abbiamo mostrato in questo video

oppure il simbolo degli assassini ricreato nella mappa di Primal. In questo contesto Takkar e l’ambiente che lo circonda possono rappresentare il retroscena perfetto in riferimento agli Assassin’s Creed, ambientati ben più tardi.


Ritornando alla serie di Far Cry, ci siamo accorti di una peculiarità, ovvero che tutti i Far Cry si sviluppano in luoghi isolati: si passa dalla Micronesia all’Africa centrale, fino alla Malesia ed al Nepal; viceversa, gli Assassin’s Creed sono in realtà ambientati nel presente, nelle metropoli. Ma qual è l’interconnessione che esiste tra tutto questo? La risposta è l’Abstergo. Come sapete, l’Abstergo è la multinazionale affiliata ai Templari, ma essendo una multinazionale ha sicuramente varie sedi sparse nel mondo. Ed è proprio questo ciò che ci fa pensare che l’Abstergo possa essere un altro filo conduttore tra tutti i Far Cry e gli Assassin’s Creed, essendo presente in quasi ogni contesto delle varie trame di Ubisoft. A riguardo esistono due easter egg abbastanza famosi: uno in Far Cry 3, nel quale il protagonista ritrova un quaderno riportante il simbolo della multinazionale, e l’altro in Watch Dogs, nel quale incontriamo per strada una persona designata come ”impiegata presso l’Abstergo”.

La nostra conclusione è quindi questa: i vari Far Cry, Assassin’s Creed e pure Watch Dogs potrebbero svolgersi tutti nello stesso universo, inteso come mondo parallelo al nostro. Un universo immaginario, che trae spunto dal mondo reale ma che vi aggiunge degli spunti ”soprannaturali” ricorrenti in quasi tutti i titoli. Ed al contempo, la guerra tra tribù in Far Cry Primal potrebbe essere stata una guerra logorante ed infinita, che negli anni non si è risolta, trasformandosi a tutti gli effetti in un conflitto tra due fazioni ben distinte, le quali diventeranno Assassini e Templari.

Noi il nostro punto di vista lo abbiamo dato… a questo punto solo un vostro parere potrà rafforzare o confutare la nostra teoria. Quindi cosa aspettate, commentate e diteci come la pensate.

 

 



Studente universitario e gamer nel tempo libero, la sua passione videoludica non ha confini. Questa passione nasce a 4 anni, quando si ritrova a giocare Doom II su un vecchio computer acquistato dal padre. Appassionato di giochi open-world e GDR, le sue pietre miliari sono le serie di Grand Theft Auto, Fallout e The Elder Scrolls. A fianco di ciò, la tecnologia e lo sport giocano un ruolo fondamentale nei suoi interessi, ed adora restare informato sulle ultime novità nei rispettivi settori.