Kingdom Come: Deliverance – Disponibile la patch 1.04 su PS4

Kingdom Come Deliverance
Di Alberto "Seven" Baldiotti
2 marzo 2018

Da qualche ora è possibile scaricare, per il momento esclusivamente su PlayStation 4, la patch 1.04 per Kingdom Come: Deliverance, gioco di ruolo prodotto da Warhorse Studios del quale vi abbiamo parlato qualche giorno fa, attraverso la nostra recensione.

Come vi abbiamo già accennato nella recensione, il gioco presenta ancora svariati problemi, soprattutto di natura tecnica. Proprio per questo gli sviluppatori hanno promesso una serie di patch correttive, di dimensioni più o meno grandi, che dovrebbero ridare slancio al gioco, nonostante esso abbia comunque raggiunto un successo notevole nel mercato europeo.

La patch in questione, tuttavia, non risolve i difetti grafici, bensì alcuni difetti relativi al gameplay. Ecco le principali novità:

  • Risolto il problema relativo al tasto R2, talvolta poco responsivo. Il creative director Daniel Vávra aveva già specificato come il problema dipendesse dall’intensità con cui si preme il tasto R2. In fase di recensione noi non ci siamo accorti del problema, poiché è stato segnalato soprattutto da utenti con il tasto particolarmente usurato;
  • Risolti alcuni bug relativi alle quest di Hans Capon, personaggio che, durante alcune quest (delle quali non vi spoileriamo nulla) si bloccava o non compiva alcuna azione, bloccando le missioni;
  • Risolti i bug nella quest “Ginger rosso sangue”, durante la quale era possibile incappare in problemi simili alla quest prima citata.

La patch segnala inoltre dei generici “fix e miglioramenti generali”, dei quali in tutta onestà non abbiamo ancora avuto riscontro. Restano, ovviamente, tutti i gravi problemi tecnici: rendering in ampio ritardo, caricamenti di texture e pop-up vistosissimi, oltre a cali di frame-rate difficili da non vedere. Ma per la risoluzione di questi problemi attendiamo le prossime patch, che secondo le dichiarazioni di Daniel Vávra saranno consistenti e risolutive.



Studente universitario e gamer nel tempo libero, la sua passione videoludica non ha confini. Questa passione nasce a 4 anni, quando si ritrova a giocare Doom II su un vecchio computer acquistato dal padre. Appassionato di giochi open-world e GDR, le sue pietre miliari sono le serie di Grand Theft Auto, Fallout e The Elder Scrolls. A fianco di ciò, la tecnologia e lo sport giocano un ruolo fondamentale nei suoi interessi, ed adora restare informato sulle ultime novità nei rispettivi settori.