DJI presenta Mavic Air, nuovo drone pieghevole 4K

DJI Mavic Air
Di Diego "Lanzia" Savoia
23 gennaio 2018

Viviamo completamente immersi nell’era dei droni, prodotti che fino a pochi anni fa erano pressoché inesistenti. Al giorno d’oggi occupano inoltre una buona fetta del mercato di settore, e per rimanere a galla bisogna essere davvero competitivi (basti vedere il recente caso GoPro). Un’azienda che sta dando tutta se stessa nel mondo dei droni è DJI, che rappresenta forse il marchio che torna per primo alla mente davanti alla parola “drone”. Il colosso lanciò a fine 2016 il Mavic Pro, primo drone ripiegabile, dalle dimensioni davvero contenute e capace di registrare in 4K. Qualche mese più tardi arrivò anche Spark, dalle specifiche tecniche sicuramente meno prepotenti, ma utilizzabile con il solo movimento di una mano. Nelle ore scorse DJI ha annunciato quello che potrebbe essere definito come un punto di incontro tra i due droni sopracitati: il Mavic Air.

La compagnia cinese ha tenuto un evento a New York questo pomeriggio, nel corso del quale ha svelato al pubblico Mavic Air. Il nuovo drone è perfettamente ripiegabile (esattamente come il Pro), ma si sono raggiunti nuovi livelli: lo spazio occupato dal prodotto ripiegato è infatti minore rispetto al “predecessore”, ed il peso complessivo è sceso del 41%. È stato rivisto il sistema di raffreddamento, così come lo stabilizzatore a tre assi.

DJI Mavic Air

Parlando di specifiche tecniche, sul Mavic Air troviamo un sensore da 1/2.3″ che ci permette di girare filmati in 4K sia a 24 che a 30 frame al secondo. Possiamo scattare fotografie grazie ad una fotocamera da 12 megapixel con lenti 24mm f2.8. Il drone in sé è capace di raggiungere la velocità di 68.4Km/h e di contrastare venti fino a 35.4Km/h. La nuova antenna permette inoltre una distanza massima di poco più di 4Km. Il tempo di volo è il vero punto di incontro tra lo Spark e il Pro: ci aggiriamo intorno ai 21 minuti, cinque volte in più del primo ma sei in meno del secondo.

Anche il software è in costante aggiornamento: DJI ha infatti promesso una modalità panorama 32MP, una modalità “Tiny Planet” (capace cioè di trasformare degli scatti 360° in immagini a forma di pianeta), miglioramenti alle gesture e all’elaborazione dell’immagine. Anche sul Mavic Air è presente il sistema anti-collisione, ma è negli intenti dell’azienda migliorarne l’algoritmo.

Concludiamo dunque con il piatto forte: il prezzo. Come abbiamo già anticipato, ci troviamo a metà strada tra lo Spark (attualmente a €499 ma il prezzo base è €599) e il Pro (a partire da €1.199). Il costo del nuovo DJI Mavic Air è infatti di €849, e comprende anche il telecomando (ripiegabile anch’esso) con display integrato.

Cosa ne pensate di questo nuovo prodotto annunciato da DJI?

Ulteriori specifiche tecniche



Appassionato di tutto ciò che riguarda la tecnologia, il suo interesse spazia in particolare nel mondo dei videogiochi e dell'informatica. Ama ogni genere videoludico, ma predilige i giochi d'azione e le avventure grafiche.