Recensione auricolari in-ear Bluetooth Linner NC50

Linner NC50
Di Diego "Lanzia" Savoia
20 dicembre 2017

Il settore degli auricolari è vastissimo e sicuramente capace di accontentare anche i gusti più particolari e ricercati. Questo risultato è frutto di un processo naturale, basato prima sul miglioramento tecnico riguardante la qualità del suono in sé, e poi su una ricerca estetica ben precisa e originale. Alla fine, ciò che troviamo sul mercato è davvero in grado di soddisfare qualunque tipo di orecchio. Ma è solo negli ultimi anni che molte aziende hanno iniziato a guardare oltre lo standard delle “cuffiette”, e questo atteggiamento ha inevitabilmente condotto ad una rivoluzione di settore. Ecco dunque che abbiamo visto apparire sugli scaffali (o meglio, di questi tempi, sui siti specializzati) cuffie e auricolari Bluetooth, quindi senza cavo. Da vera novità agli albori, stiamo ritornando al ciclo iniziale, dove ogni produttore crea qualcosa di originale e unico, una volta assodata la qualità audio.

Entrando in questa nuova era per gli auricolari, abbiamo deciso di metterne alla prova un paio, ma non qualcosa di “standard”. Sto parlando delle Linner NC50, un paio di auricolari in-ear Bluetooth prodotti dall’omonima compagnia nata nel 2016 e all’avanguardia nel settore. La caratteristica principale di questo prodotto è la presenza della tecnologia di cancellazione del rumore, una funzione davvero importante di cui però non voglio anticiparvi nulla.

Linner NC50

UNA MARCIA IN PIÙ

Le Linner NC50 sono un paio di auricolari in-ear Bluetooth con una marcia in più: la sigla NC sta infatti per “Noise Cancellation”, ovvero cancellazione del rumore. Più precisamente la tecnologia prende il nome di ANC (Active Noise Control) e banalmente mira a ridurre drasticamente il rumore esterno, indesiderato, producendo un suono specifico che va ad annullare l’onda sonora di disturbo. In questa maniera l’ascoltatore si sentirà completamente isolato dal mondo esterno. Nel caso delle cuffie in esame possiamo ottenere una riduzione del rumore esterno (fino a 28dB) semplicemente premendo un apposito tasto.

Le cuffie sono mirate ad un utilizzo principalmente sportivo: l’ergonomia è infatti studiata appositamente per garantire maggiore comodità durante gli allenamenti, ad esempio durante una corsa, e il peso di soli 36 grammi è sostanzialmente irrisorio. La leggera struttura passante dietro la nuca e gli anelli posizionati nel padiglione interno impediscono sganciamenti accidentali degli auricolari, che invece rimangono ben saldi alle orecchie. La scelta dell’azienda è differente rispetto alla concorrenza: notiamo infatti uno spessore del cavo differente tra la parte anteriore e posteriore delle cuffie, un particolare estetico che può non piacere ad alcuni. Il materiale di cui sono costruite le cuffie è studiato per resistere al sudore in ogni situazione, così da non provocare alcun fastidio alla pelle. Forse la simil-gomma di cui sono composte non sarà gradita a molti (compreso il sottoscritto), ma si tratta di una scelta obbligata per raggiungere la certificazione IPX4.

I due auricolari contengono un piccolo magnete che permette di mantenerli collegati tra loro anche quando non li teniamo nelle orecchie. Un’ottima introduzione, questa, specialmente guardando all’ambito sportivo. Inoltre, i ricambi che troviamo all’interno della confezione garantiscono la migliore configurazione possibile per ogni tipo di orecchio, vista la presenza di tre misure differenti di ear tips e anelli (S/M/L).

Linner N50

All’interno della scatola, molto semplice e scarna, troviamo inoltre un cavo micro-USB per ricaricare le cuffie. Il paio da me provato era quasi completamente carico, ed è quindi possibile che all’acquisto contengano già una buona percentuale di carica, così da poterle provare il prima possibile senza intoppi. In ogni caso, con una ricarica di quasi due ore riusciamo facilmente ad utilizzare gli auricolari con cancellazione del rumore attiva per circa 9-10 ore, mentre con questa funzione disattivata arriviamo facilmente a toccare le 12-13 ore di utilizzo. Il tempo di standby promesso dai produttori è di ben 400 ore, un periodo di tempo davvero enorme. La spia colorata accanto al tasto di accensione ci aiuterà a capire quando la batteria è scarica, ma sono fondamentali gli avvisi sonori che riceviamo all’accensione del prodotto, che ci aggiornano sul livello di carica.

Le Linner NC50 sono già acquistaibili qui

Lungo il cavo troviamo una classica pulsantiera con i tasti per aumentare e diminuire il volume, un tasto centrale multifunzione e il microfono sul retro. Il bottone centrale sostituisce il comando play/pausa se premuto una volta, mentre una doppia pressione avvierà una chiamata verso l’ultimo numero contattato, almeno su smartphone. I tasti relativi al volume, se premuti a lungo, ci consentono invece di cambiare la traccia attualmente in riproduzione. Unico neo che sottolineerei in questo caso è l’eccessivo volume del segnale acustico che conferma l’aumento o la diminuzione del volume, specialmente quando si raggiunge il limite. Un po’ meno assordante sarebbe comunque risultato udibile e sicuramente meno fastidioso. Il microfono è invece di buona qualità, paragonabile a quello classico presente nei telefoni cellulari odierni.

Le Linner NC50, come abbiamo detto, sono cuffie Bluetooth. Se non ne avete mai posseduto un paio di questo tipo, potete solamente immaginare l’estrema comodità di non avere un cavo che vi tiene perennemente legati al telefono. Si tratta ormai di una scelta obbligata da parte delle aziende, questa, vista la rapida evoluzione del mercato e le recenti svolte fatte dai maggiori produttori di smartphone con la rimozione dello storico jack da 3.5mm. La comodità di poter muoversi liberamente pur mantenendo attivo il collegamento audio è estrema, e il Bluetooth 4.1 integrato in queste cuffie svolge il suo egregio lavoro. Grazie ad esso possiamo infatti collegarci a due dispositivi contemporaneamente (e le Linner N50 sanno distinguere la “periferica 1” dalla “periferica 2”) rimanendo entro i 10 metri. Permangono comunque rarissime interferenze dovute a movimenti bruschi dello smartphone o alla presenza di altri device elettronici all’interno del campo di collegamento.

Linner NC50

MA COME SI SENTE?

Parlando di auricolari, il punto cardine di cui il pubblico si interessa principalmente è la qualità dell’audio. Nelle Linner NC50 questo è senza dubbio di ottimo livello, non c’è che dire. Potremmo aspettarci il contrario, vedendo forse la cancellazione del rumore come centro di forza di queste cuffie. Ma non è l’unico, dato che a supportarlo troviamo un audio pulito e chiaro, che comunque si fa sentire quando entrano in gioco dei bassi potenti. Ho voluto mettere alla prova gli auricolari con i più svariati generi musicali e a qualunque volume, e il risultato è stato limpido: la qualità dell’audio è ottima. Niente di eccezionale, sia chiaro, in commercio troviamo cuffie dalle prestazioni sicuramente superiori. Ma per il prodotto che mi sono trovato di fronte non posso affatto lamentarmi, al contrario. Non dimentichiamoci che si tratta comunque di un paio di auricolari pensati per il settore sportivo, e durante gli allenamenti non cerchiamo certo il top di gamma nella qualità audio. Proprio per questo sono rimasto colpito dall’elevata pulizia sonora, che si adatta praticamente ad ogni timbro.

Vista inoltre l’elevata qualità della tecnologia di cancellazione del rumore, le Linner NC50 risultano perfette anche in ambienti lavorativi e non solo. Potersi isolare totalmente dal mondo circostante risulta utile in numerose situazioni: lavorando al PC o studiando in ambienti non proprio silenziosi, viaggiando sui mezzi pubblici o anche semplicemente camminando in luoghi affollati. Indossando delle cuffie con ANC il suono esterno non risulta semplicemente ovattato (come si potrebbe immaginare) ma viene proprio ridotto al minimo, e in moltissimi casi persino cancellato. Per farvi un esempio pratico, immaginate di essere in una stanza in cui è presente una televisione accesa ad un volume medio-basso, ma comunque perfettamente udibile; sfruttando la cancellazione del rumore è come se il televisore fosse senza audio.

Sicuramente funzionale l’introduzione di entrambe le modalità di utilizzo delle Linner N50 (Monitor/Normal e Active). Peccato che, una volta provata la cancellazione del rumore, difficilmente riuscirete a separarvene. Con una semplice pressione di un tasto, però, possiamo spostarci nella modalità classica, che ci permette di “ritornare” nel mondo reale pur mantenendo la musica nel sottofondo. Insomma, un po’ come indossare un paio di auricolari comuni. Provando a spostarci tra una modalità e l’altra notiamo davvero la differenza, che non si limita alla riduzione dei rumori esterni, ma anche ad un conseguente notevole miglioramento del suono.

Linner NC50

In conclusione, posso dire che le Linner NC50 sono state capaci di stupirmi, specialmente per quanto riguarda la cancellazione del rumore. Inoltre la qualità del suono è invidiabile dalla concorrenza, e la leggerezza della struttura porta a non sentirle nemmeno indosso. La durata della batteria è anch’essa ottima, e questo è sicuramente un punto a favore in quanto parliamo di auricolari Bluetooth. Tralasciando quindi qualche lieve difetto segnalato nella recensione (oltre ai gusti personali), stiamo parlando senza dubbio di un buon prodotto. In chiusura vi segnalo che le Linner NC50 sono disponibili in tre colorazioni: nero, bianco e blu. Se siete interessati all’acquisto, trovate gli auricolari in vendita qui!



Appassionato di tutto ciò che riguarda la tecnologia, il suo interesse spazia in particolare nel mondo dei videogiochi e dell'informatica. Ama ogni genere videoludico, ma predilige i giochi d'azione e le avventure grafiche.