Anteprima Portal Knights

Portal Knights
Di Andrea "Geo" Peroni
26 gennaio 2017

Se c’è un gioco che potrebbe farsi spazio tra gli innumerevoli sandbox disponibili oggi sul mercato, questo è sicuramente Portal Knights. Il nuovo titolo di Keen Games e 505 Games, ormai in Early Access su Steam da quasi un anno, ci è stato mostrato nel corso di un evento presso la sede Halifax di Milano, dove due diretti coinvolti del progetto hanno spiegato tutto ciò che di nuovo troveremo nella versione completa del gioco. David Ian Watsom Welch e Juliane Martina Richter, rispettivamente direttore creativo di Keen Games e produttrice di Portal Knights, hanno infatti tenuto una breve presentazione dove è stato spiegato tutto quello che ci potremo aspettare nell’incarnazione definitiva del titolo, compresa una versione console che presenterà però delle limitazioni.

Portal Knights ha una data di uscita

Portal Knights è un action RPG con spiccati elementi di crafting di oggetti, esplorazione e costruzione di nuovi equipaggiamenti, che finisce con l’emulare inevitabilmente alcuni colossi già presenti sul mercato, tra tutti Minecraft e il da poco pubblicato Dragon Quest: Builders di Square-Enix. Il piccolo protagonista dell’avventura, che potremo creare noi stessi prima di iniziare a giocare sul serio, si ritrova in un magico mondo costituito da quelle che vengono definite Isole, porzioni di pianeta (se di pianeta si può parlare) che comunicano tra loro tramite alcuni portali magici che toccherà a noi ricostruire. Potrà però il gioco limitarsi a distruggere oggetti e costruire componenti del suddetto portale? Fortunatamente no, perché la ricca componente GDR si fa sentire sin dal primo livello che verrà generato proceduralmente da Portal Knights. Sulla nostra strada infatti si pareranno davanti vari tipi di mostri, immersi nei più variegati ambienti: boschi, foreste, prati, laghetti, deserti, e chissà quanto altro potremo trovare avanzando di isola in isola.

PK-01---Mining-portalknights

Salendo di livello, cosa che accadrà completando missioni primarie e secondarie, e ovviamente eliminando i nemici, potremo anche attribuire una certa quantità di skill points al nostro piccolo protagonista e alle sue abilità suddivise tra le classiche agilità, forza, vita, eccetera eccetera. Non sarà sempre semplice, a dire il vero, riuscire a proseguire in tutta tranquillità da un’isola all’altra, anzi il gioco più volte ci metterà in guardia del grosso pericolo che incombe su di noi se decidere di andare avanti senza prima migliorare il nostro equipaggiamento, raccogliendo i più disparati oggetti dalla casuale area di gioco che ci verrò messa di fronte ogni qualvolta che il portale si aprirà. Un sistema un po’ macchinoso, quello della costruzione degli oggetti, che meriterebbe una sistemata, ma di questo ne abbiamo parlato nel nostro provato che potete trovare qui.

Il mondo di gioco che si plasmerà di fronte ai nostri occhi non è stato solo arricchito di nuovi elementi rispetto alla versione Early Access, ma anche leggermente rivoluzionato per le versioni console. Queste ultime, infatti, ossia le versioni per PS4 e Xbox One, non saranno purtroppo dotate della possibilità di creare isole dalle dimensioni elevate, con livelli più contenuti e concentrati, anche se per un giusto confronto ci sarà da attendere le versioni definitive per console e PC. La dimensione non andrà però a incidere sulle effettive caratteristiche di un’isola, completa di tutto quello che servirà ad un giocatore, come risorse e costruzioni artificiali nelle quali ci sarà possibile installare uno speciale tavolo da lavoro per le nostre creazioni. Se non ne avete ancora abbastanza su questo Portal Knights, sappiate che lo sfortunato eroe dovrà vedersela non solo con i sopra citati nemici “minion” (che di notte diventano nettamente più forti, in stile Daemon di Final Fantasy XV), ma anche con potenti boss che ci impediranno di proseguire nelle isole successive. Cosa ci attende alla fine del lungo percorso? Chissà…

PK-14--Water-portalknights

In attesa di poter scoprire come e quanto sarà efficace la modalità cooperativa di Portal Knights, che a detta del creative director del gioco è stato pensato appositamente per una affiatata squadra di 4 giocatori, rinnoviamo il nostro invito a leggere il nostro provato del titolo nella sua versione PS4. Presto, a detta degli sviluppatori, arriverà anche una beta su console, e dunque se non avete avuto modo di provare Portal Knights su PC potrete avere un’occasione per farvene un’idea. E non fatevi ingannare dalle apparenze, ovviamente. Lo stile cartoonesco, colorato e “a cubetti” non lo rende un clone di Minecraft (non solo, almeno), ma una buona esperienza per gli amanti dei sandbox che potrebbe però portarvi alla noia se non riuscirete a raccapezzarvi sulle isole dell’universo di gioco e a trovare un giusto dosaggio tra le possibilità del crafting e i non sempre accessibili combattimenti, fonti di inaspettate difficoltà avanzando sempre di più.



Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.