La Terra di Mezzo: L’Ombra della Guerra – Provato

La Terra Di Mezzo L'Ombra Della Guerra
Di Diego "Lanzia" Savoia
22 maggio 2017

Oggi pomeriggio la rinnovata Microsoft House di Milano ci ha accolti in una veste più oscura del solito in occasione dell’anteprima esclusiva de La Terra di Mezzo: L’Ombra della Guerra, il sequel di Monolith pubblicato da Warner Bros. in uscita il 25 Agosto 2017 per PC, PlayStation 4 (anche versione Pro) e Xbox One. Il titolo supporterà la funzione Xbox Play Anywhere, che permette di giocarlo sia sulla console di casa Microsoft che su un computer con Windows 10. La versione che abbiamo potuto testare in sede è quella per PC.

L’introduzione del Nemesis System ne L’Ombra di Mordor fu una grande mossa da parte di Monolith, e con questo nuovo capitolo lo studio ha potuto lavorarci ancora, migliorandolo e sistemando i piccoli difetti. La personalizzazione dei nemici a seconda dei nostri progressi e delle nostre mosse assume però un significato differente ne L’Ombra della Guerra, dato che è stato rivisto il sistema di battaglia. La novità principale, e ben visibile, riguarda la presenza di una fortezza comandata dall’Overlord di turno. Il nostro esercito ha il compito di assalirla partendo dalle mura esterne e arrivando infine al palazzo principale in cui risiede il boss. Oltre alle orde di nemici, ci troveremo di fronte tre avamposti da catturare, inizialmente combattendo e successivamente piantando la nostra bandiera: una volta superati, potremo accedere alla sfida finale. Gli Overlord sono tutti diversi tra loro, e il conflitto conclusivo assume svariate sfaccettature in base al percorso fatto e al numero di tentativi falliti. Su questo aspetto risaltano dunque i commenti fatti dagli avversari, che variano proprio in base a ciò che è accaduto in precedenza.

La Terra Di Mezzo L'Ombra Della Guerra Presentazione

La strategia è fondamentale ne L’Ombra della Guerra: prima di ogni conflitto avremo modo di dare uno sguardo generale al campo di battaglia e agli schieramenti. Tra gli alleati potremo scegliere un comandante, oltre a potenziare i vari elementi scegliendo tra numerose opzioni disponibili. Gli attacchi possono essere personalizzati e modificati, introducendo veleno, fuoco e molto altro. Nulla viene scelto a casaccio: la nostra analisi deve infatti passare attraverso i principali antagonisti, dei quali possiamo scoprirne abilità e punti deboli. Tutto insomma deve seguire un ragionamento logico, e i dati raccolti a priori si riveleranno essenziali nei conflitti. Ma non tutto termina con i potenziamenti: è stato infatti introdotto un sistema di ricompense e di armature. Sul campo di battaglia potremo infatti ottenere oggetti preziosi e, soprattutto, armamenti con cui potenziare e customizzare il protagonista. Chiaramente sono presenti differenti livelli di rarità, che spingono dunque il giocatore a raccogliere più tesori possibili per arricchirsi ed ampliare la propria collezione.

Il nostro esercito sarà composto, oltre alla classica artiglieria di terra, anche da draghi e creature cavalcabili da sfruttare per sfondare portoni o superare mura, o ancora per bombardare gruppi di nemici dall’alto. I nostri attacchi basilari sono poi accompagnati da tiri con l’arco (le cui frecce, in numero limitato, possono essere recuperate), teletrasporti e tante altre mosse derivanti dai poteri dell’anello. Nei lunghi e dispendiosi scontri con i principali nemici ci troveremo di fronte a scelte multiple, grazie alle quali far passare il malcapitato dalla nostra parte, abbassarlo di livello per farlo fuggire, oppure dargli il colpo di grazia per farlo cadere al tappeto.

La Terra Di Mezzo L'Ombra Della Guerra

In conclusione abbiamo trovato un sistema di battaglia davvero rinnovato rispetto al precedente capitolo, tante nuove opzioni e un’ampia varietà di strategie. La grafica rimane ad un livello davvero elevato: non ci sono stati cali di frame nemmeno nelle fasi più stressanti del combattimento (anche se, ricordiamo, la versione provata era per PC e non console) e, nonostante qualche raro bug, L’Ombra della Guerra ci ha ampiamente soddisfatti, superando ciò che era stato raggiunto precedentemente. Purtroppo non abbiamo potuto provare fasi di gioco diverse dal puro combattimento alla fortezza, ma considerando che mancano più di due mesi al rilascio non siamo rimasti affatto delusi. Ci aspetta un nuovo capitolo assolutamente all’altezza delle forti aspettative che si sono create dall’annuncio ad oggi: appuntamento da non perdere quello del 25 Agosto, dunque, sia per i fan storici che per i neofiti.



Appassionato di tutto ciò che riguarda la tecnologia, il suo interesse spazia in particolare nel mondo dei videogiochi e dell'informatica. Ama ogni genere videoludico, ma predilige i giochi d'azione e le avventure grafiche.