Black Ops III Zombies – L’analisi del trailer di Revelations

revelations
Di Andrea "Geo" Peroni
30 agosto 2016

Nella giornata di oggi, Treyarch e Activision hanno rilasciato il trailer ufficiale della mappa Revelations, l’ultima esperienza zombie che concluderà la storia iniziata con Call of Duty: World at War e che sarà inserita nel DLC Salvation in arrivo il prossimo 6 settembre su PS4 (e ad ottobre su Xbox One e PC). Un trailer ricco di azione e soprattutto di informazioni, per quella che si prospetta come una delle ambientazioni più leggendarie di tutta l’epopea dei non-morti di Treyarch. Ecco un’analisi dettagliata delle informazioni estrapolate dal trailer.

revelations

La casa, l’oggetto del mistero per tutti gli avvenimenti di Black Ops III Zombies, sarà con tutta probabilità il punto di partenza di Revelations, così come l’inizio del trailer. Nella casa sono ancora rinchiusi Samantha, il piccolo Edward e anche tutte le altre versioni giovani dei protagonisti. Avranno un ruolo chiave oppure il nostro compito sarà proteggerli?

revelations

Una nuova panoramica alle gigantesche statue dei Primis, o perlomeno è quello che il trailer ci vuole far vedere. Le statue assomigliano terribilmente a quelle già viste in Origins, e c’è chi ha già ipotizzato che in Revelations i Primis, ovvero i quattro eroi, arriveranno a sfruttare il pieno potere dei Bastoni Elementali originali. La lotta era già narrata nella sala del rituale di Shadows of Evil, dove i quattro protagonisti fronteggiavano orde di Apothicon. L’impressione è che la grande guerra avverrà proprio qui.

revelations

Insieme al Juggernog, che potete vedere in basso a sinistra, il trailer ci mostra una inquietante frase in cui si parla di conoscenza e di essere prelevati. Avrà a che vedere con gli spostamenti spazio-temporali che vivremo in Revelations?

revelations

Ecco una porzione di mappa che era già stata confermata, Der Eisendrache. Nel frame potete infatti vedere le gigantesche statue dei Custodi che sorvegliano la piramide all’interno del castello, dunque in qualche modo potremo visitare nuovamente questa ambientazione.

Continua nella prossima pagina

Pagine: 1 2 3 4



Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.