Games Week: i giochi provati da Uagna

Di Matteo "Red" Rossi
6 Novembre 2011

Molti sono stati i giochi provati in anteprima da Uagna al Games Week 2011; ecco le nostre impressioni dei più promettenti giochi inediti.

007 Goldeneye Reloaded

Abbiamo provato questo gioco per circa 20 minuti e in questo lasso di tempo abbiamo dovuto abbattere diversi nemici, alcuni in modalità stealth, con pistola e silenziatore, altri a colpi di Ak47, raccolto a terra da un nemico morto. Nella nostra prova abbiamo inoltre utilizzato un fucile da cecchino e ucciso un nemico in corpo a corpo, premendo il tasto R3. Abbiamo notato che è possibile uccidere i nemici con un solo colpo alla testa, cosa particolarmente utile se decidiamo di affrontare le missioni “in incognito”. Quando si abbattono le porte si attiva una modalità “slow motion” la quale permette di colpire più nemici rapidamente. In 007 Goldeneye Reloaded c’è anche la possibilità di giocare con il fucile move.

Commento finale: complessivamente un discreto gioco, anche se la grafica ci ha decisamente deluso e la giocabilità è facilitata dalla mira assistita (la quale può essere molto probabilmente disabilitata). Un punto decisamente a favore è la possibilità di giocare con il fucile move, il quale da una spinta in più a 007 Goldeneye Reloaded.

Assassin’s Creed: Revelation

Fondamentalmente poco è cambiato dal predecessore e questo è un biglietto da visita importante per Assassin’s Creed Revelation: grafica eccezionale, giocabilità ottima e mille modi per poter compiere gli assassinii. Nella prova ci siamo prevalenentemente dedicati a combattimenti contro le guardie e non ci hanno deluso: attacchi, controattachi, calci, pugni, possibiltà di raccoglie e lanciare le armi. Novità particolarmente interessante è stata la possibilità di giocare in 3D, in uno schermo decisamente grande; vi possiamo assicurare che è stato davvero divertente…sembrava di essere all’interno del gioco!!

Commento finale: anche se il gameplay è ormai quello tradizionale della serie, e poche sono le novità sostanziali, Assassin’s Creed Revolution è un gioco da comprare sopratutto per chi è fan della serie.

Call of Duty Modern Warfare 3

C’è poco da dire: è Call of Duty! Con i suoi moltissimi pregi e pochi difetti. Giocabilità ottima come sempre, grafica eccezionale, curata nel minimo dettaglio anche se non si possono distruggere parti della mappa, frenetico e ricco di azione ma troppo simile a Modern Warfare 2. Abbiamo provato l’inedita modalità survival e ci ha fatto un’ottima impressione: divertente ed impegnativa; per raggiungere livelli elevati è necessario una forte collaborazione tra i giocatori, forse anche di più di quella necessaria nella modalità zombie di Black Ops.

Commento finale: nessuna novità rispetto ai precedenti capitoli, se non per le armi e le serie di uccisioni. Nonostante questo la modalità survival potrà diventare una valida sostituta alla modalità zombie e quindi un buon pretesto per acquistarlo.

Resident Evil: Operation Raccoon City

Abbiamo provato una demo di questo gioco per pochi minuti e purtroppo non siamo riusciti a vedere molto. Mentre giocavamo però abbiamo notato una grafica decisamente buona, un’ambientazione tetra e inquietante, perfetta per un Resident Evil ambientato nelle strade di Raccoon City. In Resident Evil: Operation Raccoon City abbiamo trovato le note piantine curatrici, utili per ripristinare parte dell’energia vitale e abbiamo passato la maggior parte del tempo a far saltare le teste degli zombie a colpi di fucile a pompa.

Commento finale: una prova decisamente troppo corta per sbilanciarci, ma quello che abbiamo provato non ci ha deluso. Consigliato agli amanti del genere o della serie Resident Evil.

 

WRC 2 + D-box

Oltre ai videogame in anteprima assoluta abbiamo avuto il piacere di provare WRC 2 Fia World Rally Championship sulla postazione di gioco simulativa D-box, un gioiellino tecnologico dal costo di 8 mila euro circa dotato di volante, cambio, pedali e un sedile aerodinamico in grado di riprodurre nella realtà tutti i movimenti dell’auto durante il gioco. L’elevata sensibilità del volante ha reso arduo il test nelle sue fasi iniziali ma con un pò di pratica il coinvolgimento videoludico si tramuta allo stato puro e il divertimento è totalmente assicurato.

F1 2011 + Thrustmaster

Sempre rimanendo in tema automobilistico siamo stati allo stand della NAMCO grazie al quale abbiamo provato Formula 1 2011 sul circuito di Monza con i nuovissi volanti FERRARI F1 WHEEL INTEGRAL T500 e FERRARI 458 ITALIA RACING WHEEL di Thrustmaster che saranno presto sul mercato italiano e che riproducono in ogni dettaglio quelli reali utilizzati dai campioni della Formula 1. La partita era settata con molti aiuti come la frenata assistita e l’indicatore di direzione ma impostando la visuale all’interno dell’abitacolo e circondati da una grafica estremamente realistica sembrava proprio di essere su una monoposto da oltre un milione di euro.

A breve i video gamelplay dei giochi trattati.



Laureato in Ingegneria Informatica. Sono appassionato di informatica, tecnologia e inevitabilmente videogiochi ma la mia fame di conoscenza mi porta a studiare sempre nuovi argomenti. Cosa mi stimola? La consapevolezza che questo grande progetto è diventato una delle più grandi realtà italiane nel mondo dell’informazione e dell’intrattenimento videoludico.