[Guida] Shadow of the Colossus – Come uccidere il sesto colosso Barba

Di Andrea "Geo" Peroni
7 febbraio 2018

Mano a mano che i Colossi vengono uccisi, ci avviciniamo a boss fight sempre più pensate e ragionate, nei quali dobbiamo aguzzare l’ingegno. È questo il caso di Barba il Gigante, la sesta battaglia che dobbiamo intraprendere per raccogliere un nuovo frammento di Dormin.

Dopo aver raggiunto il luogo in cui riposa questo gigante, un tempio scavato nella pietra e sotto al deserto, dobbiamo scendere verso la gigantesca arena. Una volta che Wander avrà toccato il suolo, il grande cancello di pietra si aprirà svelando Barba, che inizierà subito a muoversi verso di noi. Corriamo subito verso il lato opposto dello stanzone, perché Barba cercherà di colpirci con il suo pugno che fa decisamente male.

Vi accorgerete subito che ci sono alcuni muri in pietra, che possono essere scalati aggrappandoci alle sporgenze e oltrepassandoli. Il nostro obiettivo è arrivare in fondo allo stanzone, dove c’è quella specie di colonnato, e fare in modo che Barba distrugga i due muretti scalabili con un pugno per poi arrivare di fronte al colonnato. Arrivati lì, rifugiamoci al suo interno, e attendiamo che Barba (nel caso non vi guardi colpitelo con una freccia per attirarlo) si chini verso il basso per cercarvi dentro il colonnato. Molto semplicemente, ora, aggrappiamoci alla barba di Barba (già, proprio così) e iniziamo la solita scalata. Il primo punto debole del colosso, da colpire varie volte, è situato sulla sua testa.

Quando non toglierete più vita colpendo quel punto, significa che dobbiamo spostarci. Il secondo e ultimo punto debole è collocato sulla parte sinistra della schiena, ma la boss fight diventa leggermente più impegnativa dato che Barba sarà decisamente più agitato. Tenendo sempre sotto controllo la barra della stanchezza, andiamo lentamente verso la schiena e pugnaliamo il Colosso fino a eliminarlo del tutto.

E anche questo è andato! Ora ci attende il potente Hydrus.

Guida completa a tutti i Colossi



Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.