La famiglia di Savimbi fa causa ad Activision

uagna black ops 2 bo2
Di Andrea "Geo" Peroni
14 gennaio 2016

Tutti voi ricorderete la vicenda tra Manuel Noriega, ex dittatore di Panama, e Activision: Noriega citò in giudizio la producer house, a causa del suo ritratto in Call of Duty: Black Ops 2. Ebbene, un altro celebre leader militare (o per meglio dire, la famiglia di quest’ultimo) ha deciso di accusare Activision, sempre a causa del gioco sopra citato.

Il leader in questione è Jonas Savimbi, il fondatore del National Unit for the Total Independence of Angola, che viene rappresentato all’interno della prima missione di Black Ops 2. La famiglia di Savimbi, appreso il fatto e avendo verificato la notizia, ha deciso di fare causa ad Activision, rea di aver rappresentato l’uomo come “un barbaro e grande deficiente che vuole uccidere tutti“. La richiesta di risarcimento è di un milione di dollari, anche se sembra impossibile che un giudice decida di dare ragione alla famiglia di Savimbi, dato che il suo personaggio non veniva sicuramente ritratto come un dittatore folle e omicida. Staremo a vedere.

 



Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.