[Loading 2018] Metro Exodus e la rivoluzione della serie

Di Andrea "Geo" Peroni
22 dicembre 2017

[PREMESSA] Loading 2018 è una rubrica a cadenza giornaliera che ci accompagnerà per 18 appuntamenti nel mese di dicembre. Il nuovo anno è ormai alle porte, e per certi versi si preannuncia un 2018 che potrebbe risultare addirittura migliore dello scoppiettante 2017 sulla via del tramonto. Con Loading 2018 daremo uno sguardo alle novità attese per il prossimo anno, raccontando i giochi più importanti finora confermati (diciamo quindi addio, ad esempio, a un Death Stranding in questa rubrica) tra esclusive e multipiattaforma.

Quando all’E3 2017 4A Games ci ha mostrato per la prima volta il trailer di Metro Exodus, terzo capitolo della serie che già conta Metro 2033 e Last Light, siamo rimasti colpiti ma anche leggermente scettici. Se infatti il video metteva in evidenza un comparto tecnico di primissimo livello, l’intero gameplay del trailer dava l’idea di essere solamente una lunga fase di script senza molte possibilità di gioco vero e proprio per l’utente. A fugare ogni sospetto, che per alcuni versi erano fondati, ci ha pensato l’ultimo trailer svelato, quello dei Game Awards. Che, mostrando un sostanzioso downgrade grafico rispetto a prima, mette comunque in luce un gioco di grande valore.

Metro Exodus sarà una rivisitazione delle fondamenta della serie. In passato, 2033 e Last Light si sono rivelati essere degli ottimi FPS stealth, nei quali riuscire a superare una determinata e limitata area senza farsi scoprire era spesso il cuore dell’esperienza. Con Exodus, le cose cambieranno, e non poco. Gli sviluppatori hanno infatti deciso di espandere il campo d’azione del giocatore, rendendolo più votato all’esplorazione e dunque aumentando la libertà di movimento dei personaggi, ora immersi in un mondo esterno pur sempre pericoloso ma lontano da quella linearità che contraddistingueva i capitoli precedenti.

Gli amanti del terrore non dovranno però disperarsi di fronte a questo nuovo corso open world di Metro. Il gioco di 4A Games rimane infatti un survival horror, nel quale occorrerà gestire al meglio munizioni ed equipaggiamenti e dove le mostruose creature di questo futuro post-apocalittico possono farci sobbalzare dalla sedia in qualsiasi momento. Se cercare di superare i nemici, umani e non, in modo silenzioso o tutt’altro che stealth rimane una nostra scelta. Quel che è certo però è che le cose da fare in questo nuovo Metro saranno molte, molte di più.

Metro Exodus è previsto per il 2018, anche se al momento una data di uscita precisa non è ancora stata comunicata. A livello di game design, potremmo ritrovarci di fronte ad una significativa rivoluzione di un brand che con le riedizioni in HD di Metro 2033 e Last Light ha messo in mostra i limiti dovuti ad una concezione ormai superata. Le qualità tecniche sono invece tutte da dimostrare, anche se il secondo trailer, pur avendo subito un pesante downgrade rispetto alla prima apparizione, ha messo in mostra un validissimo comparto visivo.



Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.