Assassin’s Creed Origins – I quasi 4 anni di sviluppo hanno contribuito alla qualità

Assassin’s Creed Origins
Di Andrea "Geo" Peroni
11 agosto 2017

Dopo la pausa del 2016, la serie Assassin’s Creed si prepara a tornare sul mercato con un nuovo capitolo, Origins. Additata negativamente da molti fan per la poca originalità nella quale il brand era finito a causa della cadenza annuale, la serie di Ubisoft ha giovato del maggiore tempo a disposizione fornito dall’azienda agli sviluppatori, come loro stessi hanno confermato.

Jean Guesdon, director di Assassin’s Creed Origins, ha infatti affermato durante un’intervista a PC Gamer come il tempo disponibile per sviluppare questo nuovo capitolo sia stato maggiore rispetto ai casi precedenti e che abbia portato ad un prodotto qualitativamente superiore:

“Abbiamo iniziato a lavorare ad AC Origins più di tre anni e mezzo fa, e volevamo che fosse un gioco immenso e completo, e per questo abbiamo deciso di proporre un intero Paese senza dare limiti ai giocatori. […] Un anno di sviluppo in più è servito per arrivare a toccare un livello qualitativo molto alto.”

Guesdon prosegue poi nell’intervista citando forse uno dei titoli più riusciti della serie, Assassin’s Creed IV: Black Flag, che viene usato come termine di paragone per Origins:

“Con Black Flag abbiamo leggermente toccato questo senso di grandezza e libertà totale, e volevamo riproporlo fedelmente ma questa volta sulla terraferma.”

Vi ricordiamo che Assassin’s Creed: Origins uscirà su PS4, Xbox One e PC il prossimo 27 ottobre.

Fonte



Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato “videogioco” alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.