Per il Belgio Overwatch e Star Wars: Battlefront II potrebbero essere giochi d’azzardo

Belgio giochi azzardo
Di Marco "Rubo" Rubin
16 novembre 2017

Ad Ottobre l’ESBR, il gruppo che si occupa di classificare i videogiochi per età in territorio americano, aveva dichiarato che le casse premio acquistabili non fossero una forma di gioco d’azzardo, nonostante la loro casualità, facendo cambiare idea a PEGI e venendo ascoltata anche dal governo britannico. Il Belgio, però, non sembra andare d’accordo con questa affermazione ed ha deciso di investigare su giochi come Overwatch e Star Wars: Battlefront II per capire se classificarli o no come tali.

In questi due specifici titoli, ma non solo, è possibile continuare a giocare per migliorare il proprio personaggio oppure, nel caso si sia poco inclini a usare molto del proprio tempo in questo campo, si possono comprare delle casse tramite microtransazioni e sperare di ottenere i premi desiderati. Ed il problema è proprio questo: “Il sistema dipende dal caso”, ha dichiarato il direttore della Commissione dei Giochi d’azzardo belga, per questo i due giochi sono ora sotto investigazione.

Se venissero davvero classificati come tali, ad EA ed Activision Blizzard potrebbe costare molto caro: si parla del pagamento di centinaia di migliaia di euro e della loro rimozione dal mercato. E come se non bastasse, anche altri Paesi potrebbero fare lo stesso ed iniziare a regolamentare possibilmente qualsiasi campo in cui le persone spendono soldi senza sapere con certezza assoluta cosa andranno ad ottenere, che effettivamente non sarebbe una cattiva idea.

Fonte (in olandese)



Entra nel mondo dei videogiochi in tenera età con Pokémon Argento per Game Boy Color e Kingdom Hearts. Appassionato di videogiochi, informatica, anime e manga, adora tenersi aggiornato sulle ultime novità tecnologiche.