Infinite Warfare è il videogioco del 2016 più venduto negli Stati Uniti

Di Stefano "Elymbo" Eliseo
20 gennaio 2017

Call of Duty: Infinite Warfare non smette di stupire: secondo la classifica stilata da NPD (società che si occupa di ricerche di mercato), l’ultima fatica di Infinity Ward sarebbe il titolo più venduto del 2016 negli U.S.A, sia in versione retail che digitale, superando Battlefield 1, il principale contendente uscito lo scorso autunno. Il trend positivo del titolo è stato più volte confermato anche dalle classifiche inglesi degli scorsi mesi. In definitiva, possiamo quindi affermare che le vendite dell’ultimo CoD non hanno risentito quasi per nulla della pessima accoglienza con cui era stato accolto il trailer di lancio del titolo l’anno scorso (vi ricordiamo che ancora oggi il trailer in questione è secondo video con il maggior numero di non mi piace della storia).

Al terzo posto troviamo The Division, seguito dai titoli sportivi annuali (NBA 2K17 e Madden NFL 2K17). Sorprendente il risultato di GTA V che, ancora dopo 3 anni dal lancio, è saldo al sesto posto.

Tuttavia l’industria videoludica sta calando vistosamente di anno in anno, soprattutto per quanto riguarda le vendite hardware, calate del 24% rispetto al 2015. Il rilascio di PS4 Pro e Xbox One S non ha risollevato le vendite come invece si sperava.

  • Di seguito la classifica completa:
  •  
    • 1. Call of Duty: Infinite Warfare
    • 2. Battlefield 1
    • 3. Tom Clancy’s The Division
    • 4. NBA 2K17
    • 5. Madden NFL 2K17
    • 6. Grand Theft Auto V
    • 7. Overwatch
    • 8. Call of Duty: Black Ops III
    • 9. FIFA 17
    • 10. Final Fantasy XV

 

Fonte

 



Si avvicina al medium videoludico grazie a uno scheletro piuttosto goffo, Sir Daniel Fortesque, protagonista di un certo Medievil. Tuttavia ai tempi è ancora troppo piccolo per comprendere quello che stava giocando e il mondo che lo circondava (oggi si illude che la situazione sia migliorata). Da quel momento la passione per i videogiochi lo prende e non lo lascia più. Per ora è un PC Gamer accanito ma non disdegnerebbe un ritorno su console. Ama tutto ciò che è inerente all'arte della narrazione. Half-Life, Fallout e Metro uber alles.