A Phil Spencer non piacciono i DLC esclusivi temporaneamente

Phil Spencer Project Xbox Scorpio
Di Andrea "Geo" Peroni
22 dicembre 2016

Al boss della divisione Xbox di Microsoft non piacciono i DLC. O meglio, non vanno particolarmente a genio i DLC come esclusiva temporanea, come accade ad esempio su Tom Clancy’s The Division, Watch Dogs 2 e Call of Duty.

La notizia arriva da un’intervista che Phil Spencer ha concesso a SegmentNext, dove appunto il capo di Xbox si è detto contrariato per questa sempre crescente pratica che potrebbe portare a danneggiare l’industria, piuttosto che a farla crescere. La stessa cosa che Spencer ha ribadito in un tweet di poche ore fa in risposta ad un utente.

Sfruttare fondi del marketing per impedire ad un’altra console di non avere dei contenuti non mi sembra una crescita.

Il web, di fronte alle parole di Spencer, è diviso, tra chi approva le sue parole e chi invece ritiene i DLC come esclusiva temporale un’altra componente importante per l’attuale mercato. Voi cosa ne pensate?

Fonte



Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.