Per il regista del film di Metal Gear Solid è fondamentale rispettare il gioco

Di Luca "Beard" Porro
22 febbraio 2017

In quanti si ricordano del film di Metal Gear Solid? non credo siano in tanti a ricordarlo; questo non perché sia passato in sordina il suo annuncio nel giorno in cui fu presentato Metal Gear Solid: Ground Zeroes, ma semplicemente perché da quel giorno non si ebbero più notizie del progetto.

Così dopo qualche anno, il regista del film torna alla ribalta con dichiarazioni che ci ricordano che il film è in lavorazione e sembrerebbe proprio che il progetto voglia rispettare tutti i canoni della saga. Jordan Vogt-Roberts, questo il nome del regista, ha così dichiarato che ultimamente il lavoro sul film lo ha portato a confrontarsi con Kojima, padre della saga Metal Gear Solid, e nonostante il divorzio tra il game designer e Konami, ha potuto comprendere meglio la visione dell’autore sulla sua creazione più importante.

Inoltre, il regista ha voluto sottolineare come l’impegno per far risultare il film fedele al gioco, e alle idee di Kojima, sia massimo proprio per evitare che la pellicola diventi una caricatura della saga. Infine Vogt-Roberts ha specificato che in questo momento non si sta pensando alla questione del Rating del film dato che, seppur vi siano delle scene violente, l’impegno del gruppo di lavoro è orientato a rendere credibili soprattutto i momenti di introspettiva e di dialogo tra i personaggi; il tutto per rendere il progetto rispettoso del gioco e delle filosofie dei suoi personaggi.

Non sappiamo quando il film di Metal Gear Solid vedrà la luce, ma le dichiarazioni del regista fanno ben sperare. Nel frattempo che attendiamo nuovi dettagli, vi invitiamo a rimanere sulle nostre pagine per tutte le novità del mondo videoludico.

Fonte



Sono un neolaureato in scienze politiche e delle relazioni internazionali con la passione per i videogiochi fin da piccolo. Ho sempre cercato di coltivare la mia passione cercando di rendere gli altri partecipi delle sensazioni che provavo. Ogni piattaforma su cui ho giocato dal 1998 ad oggi ha contribuito alla mia formazione, e ha lasciato nella mia mente ricordi di emozioni donati da capolavori come Monkey island, Legacy of Kain, Suikoden 2 e Final Fantasy IX.