Ronaldo, dal calcio ai videogiochi

Di Luca "Beard" Porro
23 gennaio 2017

Ronaldo Luís Nazário de Lima detto Ronaldo, per i calciofili O Fenômeno, ha deciso di investire nell’industria dei videogiochi dopo una vita passata tra i campi di calcio di tutto il mondo.

Come riportato da FcInter1908, l’ex campione di Barcellona, Inter, Real Madrid e Milan è diventato partner del Cnb e-Sports, colosso sudamericano degli e-sports. Ronaldo ha infatti annunciato la nuova avventura, spiegando di essere emozionato e pronto ad avventurarsi in un campo, quello degli sport elettronici, che ha generato un’industria da 610 milioni di dollari. Con 70 milioni di spettatori in tutto il mondo, gli e-sports stanno affrontando il loro primo vero periodo di massima gloria da quando hanno fatto il loro esordio, e anche Ronaldo icona del calcio moderno, ha riconosciuto il merito ai videogiochi di essersi ritagliati uno spazio importante all’interno del mercato.

Se Il Fenomeno riuscirà a mettere nell’industria dei videogiochi anche solo la metà della classe dimostrata giocando a calcio, siamo sicuri che riuscirà a togliersi parecchie soddisfazioni anche sui campi virtuali.



Sono un neolaureato in scienze politiche e delle relazioni internazionali con la passione per i videogiochi fin da piccolo. Ho sempre cercato di coltivare la mia passione cercando di rendere gli altri partecipi delle sensazioni che provavo. Ogni piattaforma su cui ho giocato dal 1998 ad oggi ha contribuito alla mia formazione, e ha lasciato nella mia mente ricordi di emozioni donati da capolavori come Monkey island, Legacy of Kain, Suikoden 2 e Final Fantasy IX.