Un omaggio a Life is Strange in Stranger Things 2

life is strange
Di Andrea "Geo" Peroni
30 ottobre 2017

Stranger Things 2, la seconda stagione della famosa serie dei fratelli Duffer, è disponibile da pochi giorni su Netflix e se vi interessa qui potete leggere la nostra recensione. Tra i numerosi riferimenti agli anni ’80 (su cui spiccano cult come Dragon’s Lair e Ghostbusters), c’è anche un omaggio ad uno dei videogiochi più apprezzati degli ultimi anni, Life is Strange.

Nel corso del primo episodio di Stranger Things 2, infatti, viene citata una delle frasi pronunciate dalla protagonista del gioco di Dontnod Entertainment, particolare che non è sfuggito agli sviluppatori che si sono emozionati e che hanno ringraziato i creatori della serie per l’omaggio. La frase in questione è pronunciata da Sadie Sink, interprete di Maxine:

“Nessuno mi chiama Maxine. Il mio nome è Max”

Avete già visto Stranger Things 2? Cosa ne pensate?

Fonte



Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.