Xbox One – Le esclusive Microsoft saranno inserite dal Day One nell’abbonamento Game Pass

Di Andrea "Geo" Peroni
24 gennaio 2018

Nella giornata di ieri Microsoft ha annunciato una clamorosa novità per il servizio in abbonamento Game Pass. Per chi non lo sapesse, Xbox Game Pass è un servizio con abbonamenti mensile o annuale che permette di avere a disposizione una data libreria di videogiochi che possono essere scaricati e giocati, tutto ovviamente se siete ancora abbonati al servizio. È, in poche parole, un Netflix dei videogiochi, ma che permette di scaricare i titoli invece di fruirli in streaming.

L’idea è davvero ottima, ed è una prosecuzione di quel cammino che già Sony, con PlayStation Now, ed Electronic Arts, con EA Access, hanno iniziato negli anni scorsi. Ieri però si è aggiunta una importantissima novità, che siamo sicuri farà salire alle stelle il numero di abbonati a Game Pass. Phil Spencer, boss della divisione Xbox, ha infatti annunciato che tutte le esclusive Microsoft saranno disponibili sin dal lancio per gli abbonati al servizio Game Pass.

Cosa significa questo, in poche parole? Significa che giochi come Sea of Thieves, la nuova esclusiva Xbox One (e PC Windows 10) sviluppata da Rare e che sarà disponibile dal 20 marzo, sarà giocabile da tutti i possessori di Game Pass già dal 20 marzo, senza alcun sovrapprezzo o ulteriori acquisti. Lo stesso destino toccherà alle altre esclusive del colosso di Redmond previste per il 2018, quindi Crackdown 3, Ori and the Will of the Wisps e State of Decay 2. Inoltre, stando sempre alle parole di Spencer, anche i futuri giochi non annunciati approderanno da subito su Game Pass. Tra questi anche i nuovi Halo, Gears of War e Forza.

Dopo le dichiarazioni circa il grande progetto di Microsoft di tornare a puntare sulle esclusive, arriva quindi una importante mossa che potrebbe mettere in crisi le dirette avversarie Sony e Nintendo. Qualcuno ha  però ipotizzato che questo colpo, graditissimo per l’utenza, potrebbe avere degli effetti negativi sulle vendite dei software, dato che gli abbonati a Game Pass non avrebbero alcun interesse ad acquistare i giochi se non al termine della sottoscrizione. Cosa ne pensate?

Fonte



Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.