I 5 peggiori videogiochi del 2015

Di Matteo "bovo88" Bovolenta
31 dicembre 2015

Dopo aver curato la classifica dei videogiochi più giocati del 2015, ora vi esponiamo quali sono secondo il nostro parere ed anche quello di internet in generale, i peggiori videogiochi del 2015.

Ovviamente si tratta di un argomento molto delicato, poiché un gioco può piacere oppure no soggettivamente parlando. Però abbiamo cercato di allinearci il più possibile alle valutazioni, prove e risposte dei consumatori, per portarvi un elenco di titoli che hanno avuto uno sviluppo, oppure un’uscita sul mercato sfortunata e gestita male.

Eccovi dunque la nostra Top 5 dei peggiori videogiochi del 2015 per tutte le piattaforme.

5. Godzilla 

Arrivato sul mercato occidentale sei mesi dopo l’uscita giapponese, questo titolo dedicato al famoso lucertolone distruttore di città, è un concentrato di fallimenti, partendo dalla campagna per poi finire sul combat system. Per non parlare della ridicola resa grafica su una console di nuova generazione come PlayStation 4. Neanche i fan di Godzilla potrebbero apprezzarlo.

godzilla

4. Raven’s Cry

Quest’avventura piratesca ambientata nel XVII secolo è afflitta da una quantità esagerata di bug, e anche le parti che funzionano non sono per nulla interessanti, tralasciando la terribile qualità delle texture e la banalissima narrativa. Vergognandosi della loro creazione, gli sviluppatori di TopWare hanno tolto da Steam Raven’s Cry promettendo di correggere il gioco con una patch. Tuttavia alcuni mesi più tardi, dopo essere stato ri-pubblicato come Vendetta: Curse of Raven’s Cry, il titolo è stato nuovamente rimosso dallo store di Valve, poiché l’unica cosa cambiata era il nome.

raven'scry

3. Tony Hawk’s Pro Skater 5

La gente ha apprezzato molto i primi quattro titoli della serie Tony Hawk’s Pro Skater. Le successive release del franchise variavano di qualità ed appetibilità, andando alle volte a finire del dimenticatoio del genere degli sport estremi. Quindi con il ritorno di un gioco Pro Skater, i fan erano speranzosi anche di un gameplay che facesse tornare la voglia di grindare o flippare sulla tavola come ai vecchi tempi. Ma è accaduto l’esatto contrario: non è mai uscito un videogioco più “rotto” di THPS5. E’ chiaro che al momento del lancio sul mercato, lo sviluppatore Robomodo non abbia terminato il suo lavoro, però sembra che non l’abbia mai iniziato. La nostalgia della tavola da skate si trasforma solo in voglia di dimenticare, dopo aver provato Tony Hawk’s Pro Skater 5.

thps5

2. Afro Samurai 2: Revenge of Kuma Volume One

Costellato da una valanga di problemi tecnici, Afro Samurai 2 ha avuto una vita breve. Vi starete chiedendo il motivo. Ebbene dopo un rilascio andato malissimo, il publisher del titolo, Versus Evil, con maggiore sale in zucca rispetto ad altre aziende del settore, ha deciso di togliere il gioco dal mercato, da Steam, PlayStation Store e Xbox Live. Scusandosi ovviamente con tutta la community e rimborsando gli utenti, la società ha dichiarato Afro Samurai 2: Revenge of Kuma un completo fallimento, annullando anche il secondo e terzo volume, previsti all’interno della trilogia. Questo è un raro caso, chiamiamolo così, in cui i consumatori fortunatamente non solo parte lesa ma lo è soltanto lo sviluppo del gioco, che poi ne ha pagato le conseguenze.

affrosamurai2

1. Alone in the Dark: Illumination

Questo videogioco si è guadagnato la nostra prima posizione ed allo stesso tempo la valutazione più bassa su Metacritic del 2015. Alone in the Dark: Illumination è la sesta release del franchise, che ha inventato il genere survival horror e contemporaneamente lo ha ucciso con questo episodio. In fan sono accorsi in massa su Steam per richiedere un rimborso immediato dopo averci giocato. Noioso, mal calibrato, anonimo, con giochi di luce inguardabili sono solo alcuni degli aggettivi che ci vengono in mente per definirlo, e dopo 23 anni di carriera una serie come Alone in the Dark non se lo meritava.

aloneinthedark

Fateci ovviamente sapere quali sono, secondo voi, i peggiori videogiochi usciti nel corso del 2015.



Appassionato di videogiochi e console di ogni tipo, tecnologia ed informatica. Amante dei manga ed anime giapponesi, e della cultura nipponica in generale. Ha iniziato a videogiocare molto giovane prima con SNES e Game Boy, per poi passare a PlayStation. Da allora ogni genere di gioco lo ha sempre affascinato. Gli piace informarsi e tenere informati su questo fantastico mondo virtuale.