Querelato il creatore del gioco su Matteo Salvini

Di Marco "Bounty" Di Prospero
29 agosto 2015

Il programmatore Marco Guzzo, ragazzo di 23 anni, è stato querelato da Gianluca Buonanno, eurodeputato della Lega Nord, a causa del videogioco chiamato Call of Salvenee: Alla ricerca dei Marò. Questo è un videogioco che vuole fare della satira sulla persona di Matteo Salvini. Infatti, all’interno del gioco il politico italiano dovrà affrontare diversi “boss” che hanno nomi molto stravaganti e chiaramente ironici (Zingherello, Aziz o Terrone) utilizzando la sua ruspa. In particolare, Buonanno ha querelato il ragazzo per una cifra pari a cinquecentomila euro, soldi che dovrebbero essere devoluti ai cittadini italiani meno abbienti. Tuttavia, il programmatore si è difeso dicendo che il gioco vuole fare semplicemente della satira e che è ancora in sviluppo.

call-of-salveenee-mod-gta-infuriare-lega-nord

Il ragazzo ha inoltre dichiarato di essere impegnato anche nella realizzazione di un altro gioco, chiamato “Mendeleev vs Zombies“, il cui scopo è quello di far comprendere in modo migliore la chimica studiata alle scuole superiori.

Come si concluderà la faccenda? Restate sintonizzati su Uagna per ricevere nuovi aggiornamenti sulla questione. Vi ricordiamo che la notizia era già stata diramata da qualche giorno.

Fonte: Multiplayer.it



Sono uno studente di economia e commercio che ama passare parte del tempo libero davanti ad una console. Considero il videogioco come una forma d'arte, in grado di trasmettere valori e emozioni, che permette di "mettere in pausa" la vita stressante di tutti i giorni. Spero di poter condividere con tutti voi questa mia passione e di farvi conoscere il mondo del gaming.