[Recensione] Hitman 2 – Il mago del travestimento

recensione hitman 2
Di Marco "Bounty" Di Prospero
19 novembre 2018

AMMAZZARE…IL TEMPO

Hitman 2 punta tutto sulla rigiocabilità. Dopo aver terminato la campagna principale infatti, avrete a disposizione una serie di attività secondarie da poter svolgere. Oltre a rigiocare gli scenari ad una difficoltà più elevata e con nuovi equipaggiamenti, potrete creare, condividere e giocare i contratti, feature inserita già nella prima stagione. Si tratta di una particolare funzione grazie alla quale personalizzare scenari, obiettivi e condizioni, in modo da creare missioni pressoché inedite. Tornano anche i Bersagli Elusivi, obiettivi da eliminare con un solo tentativo a disposizione. Se le attività descritte fino ad ora vi sembrano esaustive, sappiate che non è finita qui. Hitman 2 offre anche due modalità online, una cooperativa ed una competitiva. Stiamo parlando delle modalità Sniper Assassin e Ghost Mode. La Sniper Assassin vi permetterà di uccidere, da soli o in compagnia, i target selezionati imbracciando il fucile da cecchino. Si tratta di una modalità che abbiamo apprezzato e che mostra uno stile diverso a quello della campagna principale, seppur abbastanza ripetitivo. La Ghost Mode è invece una modalità competitiva nella quale due giocatori si ritroveranno a dover uccidere lo stesso obiettivo nella stessa mappa. Chi riuscirà a portare a termine la missione nel minor tempo possibile, sarà il vincitore. Il nominativo “Ghost” è legato al fatto che i due giocatori non potranno uccidersi o colpirsi tra di loro. Se la Sniper Assassin ci ha divertito, soprattutto in cooperativa, non possiamo dire lo stesso della Ghost Mode, la quale si è rivelata abbastanza piatta. Tra l’altro ogni modalità è giocabile in una sola mappa, almeno per allo stato attuale delle cose. Bisognerà quindi capire quale sarà il supporto al gioco nei prossimi mesi.

recensione hitman 2

Continua nella prossima pagina…

Pagine: 1 2 3 4



Sono uno studente di economia e commercio che ama passare parte del tempo libero davanti ad una console. Considero il videogioco come una forma d'arte, in grado di trasmettere valori e emozioni, che permette di "mettere in pausa" la vita stressante di tutti i giorni. Spero di poter condividere con tutti voi questa mia passione e di farvi conoscere il mondo del gaming.