Recensione Mortal Kombat X

Di Marco "Bounty" Di Prospero
14 aprile 2015

Mortal Kombat X è il nuovo capitolo della serie, sviluppato da Netherrealm Studios e pubblicato da Warner Bros. Il titolo, è stato rilasciato su PS4, Xbox One e PC il 14 Aprile 2015 mentre, su PS3 e Xbox360, arriverà nel corso dell’estate 2015. Dopo aver lasciato la serie per concentrarsi su Injustice: God Among Us, la software house statunitense si è rimessa in gioco, rilasciando il nuovo capitolo del picchiaduro più violento di sempre. Noi di Uagna lo abbiamo giocato e recensito per voi.

LA LONGEVITA’ PRIMA DI TUTTO

Una volta aver inserito il disco, siamo entrati nel menù principale del gioco, in cui abbiamo subito notato una quantità immane di modalità, che, per un picchiaduro, è senza dubbio un punto molto rilevante. Ma andiamo per gradi. Dopo aver preso familiarità con i comandi grazie al tutorial, abbiamo iniziato la modalità “storia“, che ci è piaciuta veramente tanto. In particolare, la trama si sviluppa circa 20 anni dopo gli avvenimenti di Mortal Kombat IX, in cui Shao Kahn perse la vita. L’antagonista di questo nuovo capitolo è Shinnok, che prenderà proprio il posto di Kahn per la conquista della Terra. La storyline è narrata molto bene, grazie alla presenza di alcune cut scene, che, tuttavia, non andranno a spezzare il ritmo tra un combattimento e l’altro. Inoltre, avremo la possibilità di utilizzare molti personaggi del roster, permettendoci di imparare al meglio gli stili di ogni combattente. Insomma una modalità che da sola varrebbe l’acquisto del gioco. Ma non è finita qui. Come detto, Mortal Kombat è stato sempre caratterizzato da moltissime modalità, una più divertente dell’altra e anche questo capitolo non delude le aspettative.

mortal_kombat_x-2552796

Sarà infatti possibile affrontare la classica modalità “Arcade“, in cui dovremo vedercela con una serie di combattenti scelti casualmente dalla CPU, oppure divertirci affrontando prove di forza, o ancora, avviando combattimenti in cui saranno inseriti casualmente degli handicap, che renderanno lo scontro più vivace e difficile. Presente anche in questo capitolo, la Kripta, che ci permetterà di scovare segreti, costumi alternativi, art book e molto altro ancora, utilizzando i Koins che ci verranno assegnati durante l’esperienza di gioco. Non manca inoltre la componente online, di cui parleremo approfonditamente più avanti.

“FIGHT”

Dopo aver analizzato le modalità, passiamo a parlare del gameplay, aspetto fondamentale per un picchiaduro. Iniziamo col dire che, anche in questo caso, Mortal Kombat X non ha deluso le aspettative. In particolare, il gameplay risulta essere molto fedele ai capitoli precedenti, ma è stato notevolmente migliorato rispetto al passato. I movimenti dei combattenti sono fluidi e naturali, permettendo una mobilità praticamente perfetta. Inoltre, ogni combattente avrà a disposizione tre stili di combattimento differenti, che andranno a mutare sensibilmente lo stile di gioco. A tal riguardo, molti fan si sono lamentati del fatto che il roster risulta essere molto limitato ma, nonostante questo, bisogna anche considerare che i tre stili a disposizione di ogni combattente di fatto, 2559558-mortalkombatx_kotal_scorpion_snowforest_chokecostringeranno il giocatore ad utilizzare lo stesso personaggio per molte ore, prima di riuscire a padroneggiare tutti i suoi stili. Al contrario di Injustice inoltre, è tornata la parata con il tasto “R2“, e, in aggiunta, è stata inserita una nuova barra sotto la vita, che funzionerà come una sorta di stamina, che non ci permetterà di fare scatti una volta terminata. Durante lo scontro tuttavia, se vi troverete in difficoltà, potrete utilizzare la barra in basso a sinistra, che, una volta caricata, vi permetterà di eseguire le X-Rays, cioè delle mosse violentissime che, come potete intuire dal nome, spezzeranno le ossa del malcapitato che vi troverete di fronte. Da segnalare, inoltre, la possibilità di utilizzare l’ambiente circostante per far danno al nemico o semplicemente per spostarci più velocemente.

Immancabili anche in questo episodio sono le Fatality, le famosissime mosse finali che vi permetteranno di uccidere i vostri avversari in un modo tanto violento quanto divertente. Ogni giocatori potrà eseguire due fatality personali ma non finisce qui. Infatti, sono tornate anche le tanto amate Brutality, varianti delle fatality, che uccideranno il vostro nemico con una combo devastante. Per quanto riguarda l’online, sono state inserite per la prima volta, le Quitality, una sorta di Hara-Kiri, che faranno suicidare il combattente nel caso in cui l’utente decidesse di abbandonare lo scontro.

ONLINE

Oltre alle tantissime modalità giocabili in modalità singolo, Netherrealm ha inserito, anche in questo capitolo, una componente online che non fa altro che aumentare la longevità, già ottima, del titolo. In particolare, gli sviluppatori hanno creato le “Fazioni“, ovvero dei clan in cui potremo entrare o uscire liberamente. Se riusciremo a vincere con la nostra fazione, otterremo alcuni oggetti speciali. Inoltre, oltre alle classiche partite classificate, torna anche “Re della Collina“, altra modalità online in cui continueremo a combattere fino a quando un altro avversario non riuscirà a batterci.

mkx-faction-war_fbh3

Questa modalità era già presente in MK IX, ma, in questo capitolo è stata migliorata notevolmente. Interessante aggiunta riguardano le Living Towers, ovvero delle torri con diverse sfide che cambieranno di volta in volta, rendendo la longevità quasi interminabile. Purtroppo si riscontrano alcuni problemi di lag e di matchmaking, ma è auspicabile che, nel corso dei prossimi mesi, Netherrealm Studios, rilasci una patch che possa risolvere questo problema.

CONCLUSIONI

Ancora una volta la software house americana è riuscita a creare un picchiaduro degno di nota. Il merito di questo successo è senza dubbio della longevità del titolo, che vi permetterà di passare ore e ore a imparare gli stili dei vostri combattenti preferiti. Inoltre, avrete la possibilità di godervi una campagna in singolo veramente fuori di testa e divertentissima. Se tutto questo non vi dovesse bastare, potrete divertirvi anche a sfidare altri utenti in sessioni online e ad umiliarli con le vostre fatality. Nonostante i tanti pregi, avremo preferito avere dei personaggi in più (che probabilmente verranno inseriti con dei DLC futuri) e dei server più efficienti, per garantire sessioni online godibili e senza lag.

VOTO FINALE: 8.5

 

 



Sono uno studente di economia e commercio che ama passare parte del tempo libero davanti ad una console. Considero il videogioco come una forma d'arte, in grado di trasmettere valori e emozioni, che permette di "mettere in pausa" la vita stressante di tutti i giorni. Spero di poter condividere con tutti voi questa mia passione e di farvi conoscere il mondo del gaming.