[Speciale] Il carnevale di Final Fantasy XV

Di Andrea "Geo" Peroni
27 gennaio 2017

Era da un po’ che non inserivo nella mia console il disco di Final Fantasy XV, in particolare  da un fatidico 23 dicembre 2016 quando, nel bel mezzo della Torre di Costlemark e dopo un’ora e 45 minuti di gioco, la corrente ha deciso di saltare e di lasciarmi a bocca asciutta. Scottato da tale trauma, e con una GOTY di The Witcher III che mi aspettava, ho messo in stand-by l’ultima fatica Square-Enix per recuperarla proprio in questi giorni. Ad Altissia, infatti, è aria di festa: il Moogle Chocobo Carnival è arrivato.

Sorvolando sul terrificante nome scelto nella versione italiana, il Carnevale Kupòkuè (chi è lo spacciatore che l’ha proposto?) è una manifestazione che ha trasformato la lussureggiante città di Altissia in un raduno per tutti gli amanti delle due iconiche razze dell’universo di Final Fantasy, i Moguri e i Chocobo. Dal molo di attracco della città fino al lussuoso hotel Leville, passando per gli splendidi canali che come sempre potremo esplorare a bordo di una delle tipiche gondole di Venezia. Ops, pardon, Altissia.

Accompagnati dal fastidiosissimo Carbuncle, lo stesso che ci ha aiutato nel tutorial di Final Fantasy XV e guidati nella Platinum Demo, decidiamo di visitare Altissia ancora una volta per cercare di capire cosa la città ha da offrire come svaghi in occasione del fatiscente Carnevale, accessibile direttamente dal menù iniziale di gioco alla voce Contenuti Speciali. Non preoccupatevi se sarete costretti a sovrascrivere il vostro salvataggio, perché al di là del Carnevale la partita resterà bloccata sui vostri progressi fino a quel momento.

Il sole risplende su Altissia, in una città addobbata di tutto punto con striscioni, festoni, stendardi e attività ricreative create ad hoc per l’occasione. E anche ricca di turisti, accorsi da tutte le parti del mondo per assistere non solo per il Carnevale ma anche per quello che ci attende in serata: la Notte magica. Un lungo e affascinante spettacolo pirotecnico organizzato dalla città, colorato e sbrilluccicante evento al quale tutto vorrebbero partecipare da vicino. L’obiettivo del nostro Noctis è proprio questo: cercare un modo per poter assistere allo spettacolo da vicino, in modo da immortalare i momenti più esaltanti della festa per i Moguri e i Chocobo. L’unico modo per farlo è riuscire ad acquistare uno speciale ticket di accesso all’ “area VIP”, che costa la bellezza di 50 Dobloni Kupòkuè (ancora con questo nome…).

final-fantasy-xv-chocobo

La valuta del Carnevale di Altissia non è altri che una ricompensa per le varie attività che incontreremo nel nostro tour della viva città. I più temerari potranno dedicarsi a corse ad ostacoli a bordo dei Chocobo, mentre chi ha il turismo nell’anima può anche scegliere di individuare i luoghi di interesse più importanti e fotografarli, in cambio appunto di preziosi Dobloni. Ci sono attività veramente per tutti i gusti, da cercare tra gli NPC della città e i vari avvisi scritti: dalla ricerca di alcuni peluche di Moguri sparsi per le vie di Altissia fino alla ricerca di un gruppo di Chocobini scomparsi, dall’aiutare bambini che hanno smarrito i loro palloncini fino all’immancabile pesca, passando addirittura per una curiosa attività di barista presso il Bar Maagho (che pensiamo sia afflitta da un bug, dato che in quattro occasioni consecutive ci è stato impedito di portarla a termine). Una serie di minigiochi e passatempi che possono farvi tornare a visitare questo capolavoro artistico di Final Fantasy XV, e perché no raccogliere anche qualche oggetto extra che può servirvi nel corso dell’avventura principale.

La nostra ora di svago in città si è conclusa nel migliore dei modi: il coupon turistico è arrivato, lo spettacolo è stato davvero sfavillante, e il Carnevale si è concluso nel migliore dei modi. Il Moogle Chocobo Carnival è stata una gradita (e gratuita, ricordiamo) aggiunta a Final Fantasy XV, e non escludiamo che in futuro Square-Enix non abbia intenzione di organizzare nuovi eventi a tempo limitato nella sua ultima creazione, magari stavolta aggiungendo anche qualche sfida extra come arene di combattimento speciali che potrebbero galvanizzare l’azione e convincere anche i più scettici a gettarsi su questi eventi. In attesa dei corposi update che gli sviluppatori hanno già annunciato per il gioco, vi lasciamo con alcune delle foto scattate durante la Notte magica. Uno spettacolo, in tutto e per tutto.



Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.