Star Wars: Battlefront beta – Cosa ci piace

Di Andrea "Geo" Peroni
8 ottobre 2015

La beta di Star Wars: Battlefront inizierà ufficialmente oggi 8 ottobre, ma come altre testate giornalistiche abbiamo potuto provare con un leggero anticipo il gioco grazie ai codici gentilmente offerti da Electronic Arts. Tralasciando ogni questione puramente tecnica (per gli amanti dei numeri, la beta gira a 900p su PS4, 720p su Xbox One e 1440p su PC), la beta si presenta davvero come un ottimo preludio a quello che gli amanti degli sparatutto (ma soprattutto di Star Wars) troveranno a partire dal 19 novembre, data di uscita del gioco, che sarà esattamente un mese prima del rilascio al cinema di Star Wars – Episodio VII: Il risveglio della forza, nuovo capitolo del franchise diretto da J.J. Abrams. Dopo circa 5 ore di prova su questa versione di beta, siamo finalmente in grado di dirvi cosa ci ha davvero entusiasmato. A seguire, ovviamente, arriverà anche una discussione su cosa non ci è piaciuto nella beta, che speriamo possa essere migliorato.

Partiamo con una questione puramente sentimentale. Coadiuvata da una grafica davvero spettacolare (il Frostbite di DICE può fare questo e molto altro ancora), Star Wars: Battlefront vi catapulterà direttamente all’interno di una delle guerre più spettacolari di sempre, cinematograficamente parlando: quella tra i Ribelli, guidati dal Jedi Luke Skywalker, e l’Impero Galattico di Palpatine, guidato militarmente dall’indimenticabile Darth Fener (o Vader, nella versione inglese). Sarà possibile rivivere sulla propria pelle la celebre Battaglia di Hoth da Episodio V: L’impero colpisce ancora, o quella su Sullust (da Star Wars: Clone Wars). Tutto questo per quanto riguarda il comparto multiplayer competitivo, mentre sul fronte single/multiplayer cooperativo da segnalare una ottima modalità Sopravvivenza su Tatooine, forse il pianeta più iconico della serie. Star Wars: Battlefront punta dunque moltissimo sui ricordi e sugli scenari cinematografici, non solo per agganciare i fan storici di Guerre Stellari, ma anche per accattivare il giocatore moderno, che sul fronte FPS ha ormai vissuto decine di esperienze “monotone” di guerre sul nostro pianeta.

star-wars-bf-imm54

Passiamo al gameplay. Non si tratta di qualcosa di frenetico (sicuramente non ai livelli di titoli come COD: Advanced Warfare), ma DICE non punta decisamente a questo tipo di gameplay, proponendo invece battaglie più movimentate grazie non tanto alla confusione e moltitudine di giocatori, quanto alla presenza degli immancabili veicoli. Ma qui ovviamente non parliamo di un Battlefield qualsiasi, bensì di Battlefront: mettersi alla guida di un AT-AT, di una navicella dell’Impero, di un X-Wings, sono tutte emozioni, che sapranno sicuramente far breccia nel cuore di un appassionato. Restiamo in spasmodica attesa per il gioco completo, dove potremo provare non solo nuovi veicoli (come i ricognitori su Endor), ma anche nuove modalità di gioco, visto che le due inserite nella beta ci sono sì piaciute ma…Ne riparleremo nelle cose che non ci piacciono.

Una menzione particolare anche per quanto riguarda il sonoro, spettacolare e coinvolgente. La colonna sonora originale di Star Wars, così come i suoni delle armi e delle navicelle: DICE, anche sotto questo punto di vista, ha fatto uno splendido lavoro.



Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.