The Crew 2 – Anteprima

Di Marco "Bounty" Di Prospero
24 giugno 2018

Era il Dicembre 2014 quando Ubisoft rilasciò The Crew, un titolo automobilistico con caratteristiche da MMO che si basava su corse multiplayer. Il gioco, nonostante l’idea innovativa non ebbe il successo sperato dalla software house francese, soprattutto a causa di server instabili e di contenuti scarsi. Nonostante ciò, i ragazzi di Ivory Tower hanno deciso di rimboccarsi le maniche per sviluppare The Crew 2, secondo capitolo della serie, che ha come obiettivo quello di rimediare gli errori fatti con il primo capitolo. A tal proposito, abbiamo deciso di provare l’Open Beta del gioco, disponibile dallo scorso 21 giugno. Questa dunque la nostra anteprima dedicata a The Crew 2.

WELCOME TO AMERICA…AGAIN

Una volta aver avviato l’Open Beta ci è stato chiesto fin da subito di selezionare il nostro pilota scegliendo tra diversi volti predefiniti, decisamente poco ispirati. Dopodiché siamo stati catapultati nel bel mezzo di una gara, alla guida di una Porsche 911 dopo la quale ci è stata spiegata la trama del titolo, se di trama si pu parlare. La storia infatti, altro non è che un pretesto per giustificare tutte le gare e le attività presenti nel suolo americano, in cui è ambientata la mappa di gioco. Tutto si basa infatti su Live, una società che organizza eventi automobilistici estremi a cui possono partecipare i piloti più preparati  e che hanno un indice di gradimento (misurato in followers) più alto. Noi partiremo come dei perfetti sconosciuti e dovremo scalare le classifiche ottenendo sempre più fama fino a raggiungere la vetta. Insomma, come avrete avuto modo di capire non si tratta di una trama profonda, come invece si era tentato di fare nel primo capitolo della serie.

L’intera esperienza di gioco, come del resto anche quella del primo capitolo, si svolge negli Stati Uniti d’America dandoci la possibilità di esplorarli in lungo e in largo (da Miami a San Francisco). Si tratta quindi di una delle mappe più estese mai viste in un gioco automobilistico. Ovviamente, considerando tali dimesioni, sarà possibile godere del viaggio rapido, così da raggiungere la nostra destinazione in men che non si dica.

NON SOLO ASFALTO

Una delle più grandi aggiunte in The Crew 2 è senza dubbio l’inserimento di nuovi tipi di veicoli. Oltre alle classiche automobili e moto, gli sviluppatori hanno infatti aggiunto anche aerei e barche a motore, insieme a molte attività a loro dedicati. Per quanto riguarda la guida, tutti i veicoli hanno uno stile decisamente arcade. Del resto, l’obiettivo di The Crew 2, come quello del suo predecessore, è quello di far divertire il giocatore permettendogli di eseguire acrobazie e manovre spettacolari, decisamente distanti da una guida realistica. Tra tutti, quello che sicuramente ci ha convinto di meno è l’aereo, troppo legnoso nei movimenti e difficile da manovrare. Una scelta poco comprensibile considerando che ci ritroveremo a pilotare aerei ultraleggeri, progettati proprio per essere agili e “facili” da manovrare. Ciò premesso, lo stile di guida ha dei comandi piuttosto semplici e lineari per tutti i tipi di veicoli. Presente anche questa volta il nitrossido di azoto, che ci permetterà di sverniciare le carrozzerie avversarie grazie alla potente accelerazione di cui i nostri veicoli potranno godere. L’unica cosa che non abbiamo apprezzato a pieno di questo stile di guida è la diversificazione dei vari veicoli. Per fare un esempio, guidare un monster truck non sarà così diverso dal guidare un auto da corsa. Questa mancata ottimizzazione potrebbe portare il giocatore ad utilizzare un solo mezzo per tutta l’esperienza di gioco in quanto non vi sarebbero motivi di cambiarlo.

anteprima the crew 2

GARE IN COMPAGNIA

L’intera mappa di gioco conterrà tantissime attività da poter svolgere in compagnia o in singolo. In ogni caso, in The Crew 2 avrete a che fare con quattro diversi tipi di gare: Street Racing, Freestyle, Offroad e Pro Racing, ognuna delle quali avrà determinati tipi di veicoli da poter utilizzare. La Street Racing è la classica gara clandestina organizzata per le strade cittadine. La Freestyle è una gara in cui si accumulerà punteggio facendo acrobazie con aerei ultraleggeri o monster truck. La Offroad è una corsa fuori dalla strade asfaltate, nel bel mezzo di campi, colline, e percorsi sterrati, piene di scorciatoie e vie alternative. Infine la Pro Racing è invece la gara su circuito, in cui gareggeremo con veicoli da corsa. Ovviamente tutti questi eventi saranno ancora più godibili se giocate in compagnia con altri utenti. Ogni evento completato ci darà delle ricompense, le quali ci permetteranno di potenziare i nostri bolidi. Potremo potenziare ad esempio, trasmissione, pneumatici, eliche, cambio, motore, sospensioni, timone a molto altro ancora. Oltre a quanto appena scritto, The Crew 2, proprio come il suo predecessore, offre la possibilità di esplorare la città in free roaming con ogni nostro veicolo, che potremo cambiare semplicemente premendo il tasto R3. Correre per il mondo open-world permetterà ai giocatori di incontrare nuovi utenti o di cercare diversi collezionabili.

anteprima the crew 2

Per quanto il comparto grafico il titolo non presenta molti miglioramenti rispetto al capitolo precedente. I modelli dei veicoli e i relativi interni risultano ben realizzati (eccezion fatta per gli specchietti dei veicoli in cui non si intravede alcun riflesso) mentre la mappa di gioco risulta poco dettagliata ed ottimizzata, probabilmente a causa dell’enormità della mappa. I server ci sono invece sembrati stabili e difficilmente abbiamo incontrato problemi di lag. Unica nota negativa riguarda i caricamenti, che alcune volte risultano un po’ troppo lunghi. Nonostante quanto detto, ci teniamo a sottolineare che si tratta pur sempre di un’Open Beta ed è probabile che nella versione definitiva il tutto verrà migliorato e sistemato.

Vi ricordiamo che The Crew 2 sarà rilasciato su PS4, Xbox One e PC il prossimo 29 giugno 2018.



Sono uno studente di economia e commercio che ama passare parte del tempo libero davanti ad una console. Considero il videogioco come una forma d'arte, in grado di trasmettere valori e emozioni, che permette di "mettere in pausa" la vita stressante di tutti i giorni. Spero di poter condividere con tutti voi questa mia passione e di farvi conoscere il mondo del gaming.