Top 5 videogiochi più giocati nel 2015

uagna videogame
Di Andrea "Geo" Peroni
30 dicembre 2015

Siamo ormai giunti alla fine di questo 2015 ed è inevitabile, come ogni anno, voler tirare le somme di ciò che noi gamers abbiamo potuto giocare sui nostri schermi. Con l’affermazione definitiva della nuova generazione di videogiochi, basata su grafiche spettacolari e gameplay sempre più completi, il 2015 è stato a tutti gli effetti uno degli anni più vibranti e ricchi dell’ultimo decennio, capace di soddisfare sia l’utente casual, sia quello più esperto ed appassionato. Oltre a ciò, alcune delle più importanti serie videoludiche hanno visto la propria consacrazione con l’uscita dei rispettivi ultimi capitoli, che hanno svolto la doppia funzione di traghettatori verso la next-gen e di prosieguo a livello di trama. Vi presentiamo quindi i migliori 5 videogames usciti nel corso del 2015 su console e PC.

5. CALL OF DUTY: BLACK OPS 3

uagna call of duty

Treyarch torna all’opera riproponendo dopo ben 3 anni la serie di Black Ops. Il terzo capitolo della sotto-serie di Call of Duty stupisce e soddisfa i suoi fan: trama matura, ben strutturata, che costituisce la continuazione degli eventi accaduti in Black Ops 2, oltre ad un reparto multiplayer spassoso e rinnovato. Il sistema di classi, gli specialisti, implementato nel comparto online non stravolge il feeling provato nei precedenti capitoli, ma rende ogni partita imprevedibile e frenetica. Il ritorno della modalità Zombie, infine, ha ricostruito la struttura (quasi) perfetta che contraddistingueva la fortunata serie di FPS. Pur con parecchie innovazioni, resta un gradito ritorno alle origini.

4. BLOODBORNE

Morte, buio, rovi e città fantasma: Bloodborne può essere riassunto in queste poche parole. Erede spirituale dei vari Demon’s Souls e Dark Souls in esclusiva su PS4, il titolo ideato da Hidetaka Miyazaki colpisce per l’assoluta immersività della cupa atmosfera. Oltre che per una struttura action-GdR dall’elevato tasso di sfida, Bloodborne si contraddistingue proprio per le ambientazioni offerte al giocatore, che variano dal tipico vecchio palazzo abbandonato alle gotiche vie cittadine, passando per solitarie paludi infestate. Il tutto è servito con un tocco di follia artistica, una sezione multiplayer competitiva ed avvincente e soprattutto con tanti, tantissimi segreti da scoprire. Un must-have per i fan di Miyazaki e per i videogamer più hardcore.

3. FALLOUT 4

uagna falloutNel corso degli anni Bethesda ci ha viziati, sfornando uno dopo l’altro titoli sempre più sorprendenti. La serie di Fallout, con la sua evoluzione verso l’open-world in 3D avvenuta nel terzo capitolo, è definitivamente entrata nel cuore di appassionati e non, grazie alle sue tematiche mature e alla libertà d’azione pressochè illimitata. Ad un mese dalla sua uscita, Fallout 4 è tutt’ora al centro di un dibattito. Alcuni fan lo criticano, altri lo adorano: il motivo della disputa riguarda la trama, secondo alcuni banale, e le attività secondarie, ripetitive e scontate. Dati alla mano, però, resta uno dei titoli più giocati del 2015, ed in generale uno dei migliori giochi visti negli ultimi anni sui nostri schermi. Bethesda ha mantenuto il medesimo feeling dei precedenti capitoli, senza stravolgere le meccaniche di gioco, bensì ampliando il proprio sistema di crafting. Ora, al giocatore è data la possibilità di costruire abitazioni e ripari, con i rispettivi sistemi di difesa dai predoni; alle armi, inoltre, sarà possibile applicare una moltitudine sostanziosa di modifiche e potenziamenti. Oltre qualsiasi critica, Fallout 4 non ha deluso i fan: l’hype enorme sviluppatosi attorno ad esso è stato ripagato quasi del tutto. Bethesda, d’altronde, non ha mai sbagliato un colpo.

2. METAL GEAR SOLID 5: THE PHANTOM PAIN

Hideo Kojima non è semplicemente uno sviluppatore, ma è soprattutto un filosofo dell’arte videoludica moderna, capace di donare sfumature uniche ad ogni suo videogame. Metal Gear Solid 5: The Phantom Pain, quinto capitolo della serie, è tutto ciò che i fan si aspettavano: un titolo vasto, profondo, fedele alla saga in ogni suo aspetto, che accompagna il giocatore dall’inizio alla fine attraverso una trama articolata e quasi mai banale. La struttura open world conferisce al gioco una varietà ancora più grande, concedendo al giocatore la totale scelta dell’approccio alle diverse missioni; tutto ciò è arricchito dalla Mother Base, una vera e propria sezione a parte, che dona a questo MGS una componente gestionale degna di nota. Di sicuro uno dei migliori capitoli della serie.

1. THE WITCHER 3

Chioma argentea, occhi di felino ed istinto di predatore: Geralt di Rivia è tornato, e lo ha fatto con grande stile nel terzo capitolo di CD Projekt. Le scorribande dello strigo di Rivia non sono mai state così avvincenti: storia intrigante e matura, scenari mozzafiato, grande libertà d’azione e di scelta. The Witcher 3 è a tutti gli effetti un gioco immenso, dentro al quale si viene catapultati senza alcun limite. Le barriere nella mappa sono state rimosse: ora è possibile esplorare ogni porzione di terreno visibile ai nostri occhi, e questo concede ancora più profondità al gameplay, potendo prendere strade diverse per portare a termine un obiettivo. A ciò si unisce una grafica superba, coloratissima e curata in ogni dettaglio. Pluripremiato ed acclamato dalla stampa mondiale, è diventato in breve tempo una pietra miliare, sia per gli appassionati dei giochi di ruolo, sia per i neofiti.

uagna the witcher

A cura di Alberto Baldiotti



Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.