Uno scrittore di Until Dawn spiega la scelta del Butterfly Effect

Di Matteo "bovo88" Bovolenta
30 agosto 2015

Uno degli scrittori che ha curato la narrativa del gioco horror più in voga al momento ed esclusiva PlayStation 4, Until Dawn, in una recente intervista ha spiegato la scelta del famoso Butterfly Effect nel titolo.

Per chi non lo sapesse, questo effetto farfalla si basa sull’idea che, piccole variazioni nelle condizioni iniziali generino grandi variazioni a lungo termine.

In pratica una sorta di ramificazione conseguente a delle scelte, proprio come accade in Until Dawn:

La ramificazione della trama con i percorsi multipli di Until Dawn, che chiamiamo effetto farfalla, è un modo molto emozionante di raccontare una storia. Come scrittore, immagino spesso percorsi differenti per le storie e i personaggi, ma le varianti scompaiono appena se ne sceglie una. In Until Dawn, invece, queste variazioni hanno uno script proprio. È stato divertente vedere come dei piccoli cambiamenti avrebbero avuto delle grandi conseguenze. Con questa un’esperienza, inoltre abbiamo imparato molto. Abbiamo dovuto inventare un sacco di trucchi per far si che tutto funzioni al meglio. Supermassive Games aveva un diagramma di flusso pazzesco come programma di lavoro, per mantenere tutto coerente!”.

In Until Dawn, otto amici sono intrappolati in un rifugio di montagna e devono sopravvivere fino all’alba, affrontando una notte di terrore. Attori popolari come Hayden Panettiere (Heroes, Nashville), Rami Malek (Need for Speed, Una Notte al Museo), Brett Dalton (Agents of Shield) e Peter Stormare (Fargo, Prison Break) ritraggono alcuni di questi protagonisti.

Ricordiamo che sul nostro canale troverete il walkthrough del gioco fatto da Mr. RRock. In cima a questo articolo ci sarà il terzo episodio.

Restate sintonizzati su Uagna.it per le ultime news dal mondo videoludico.



Appassionato di videogiochi e console di ogni tipo, tecnologia ed informatica. Amante dei manga ed anime giapponesi, e della cultura nipponica in generale. Ha iniziato a videogiocare molto giovane prima con SNES e Game Boy, per poi passare a PlayStation. Da allora ogni genere di gioco lo ha sempre affascinato. Gli piace informarsi e tenere informati su questo fantastico mondo virtuale.