L’Uomo d’Acciaio, il ritorno di Superman

Di Andy
11 Dicembre 2012

«Devi decidere che tipo di uomo vuoi diventare da adulto..chiunque sarà quell’uomo…cambierà il mondo»

Probabilmente il miglior film del 2013 del suo genere: un misto di emozioni tra adrenalina, amore ed epicità. Ovviamente stiamo parlando del nuovissimo L’Uomo d’Acciaio (Man of Steel), il reboot del supereroe proveniente da Krypton, Superman. Il film è diretto da Zack Snyder (regista di Watchmen e 300) e prodotto da Christopher Nolan (regista della trilogia de Il Cavaliere Oscuro) e tra il cast scorgiamo i nomi di: Diane Lane e Kevin Costner, rispettivamente nei panni di Martha e Jonathan Kent; Clark Kent alias Superman è interpretato da Henry Cavill; Amy Adams nel ruolo della giornalista del Daily Planet, Lois Lane, e Laurence Fishburne in quello del direttore del giornale, Perry White; contro il supereroe ci sono due altri Kryptoniani sopravvissuti ovvero: il malvagio Generale Zod, interpretato da Michael Shannone e Faora, interpretata da Antje Traue; originari di Krypton sono anche i genitori biologici di Superman, la madre Lara Lor-Van è interpretata da Ayelet Zurer (Angeli e demoni) e il padre Jor-El è interpretato da Russell Crowe (Il gladiatore). Un cast all’altezza di un film che promette davvero molto, anche per i più esigenti.

Trailer ufficiale
Pagina Facebook ufficiale
Sito ufficiale

Dal video possiamo dedurre che nel film rivivremo parte dell’infanzia di Clarke ed anche la fase “di trasformazione” nel supereore. Stando alle dichiarazioni del regista Superman sarà molto più serio in questo reboot. Non ci resta che aspettare il 14 giugno (data d’uscita) per godercelo nelle sale cinematografiche!

Ovviamente ad ogni nuova news o annuncio verrete avvertiti subito qui su Uagna, qui sul canale dell’intrattenimento!



Adoro particolarmente il mondo dei videogiochi, quello del cinema e le loro infinite sfaccettature. Sono un tipo a cui piace curiosare e dedico parte del mio tempo libero a leggere fumetti e libri, o con il pad alla mano! "Se vinci non dire niente, se perdi di' ancora meno"