Annunciato il videogioco di Apocalypse Now

Di Stefano "Elymbo" Eliseo
26 Gennaio 2017

Lo studio cinematografico American Zoetrope sta lavorando insieme ad alcuni sviluppatori ad una trasposizione videoludica di Apocalypse Now, il noto film  del 1979 di Francis Ford Coppola, ambientato durante la guerra del Vietnam e liberamente ispirato alle vicende narrate nel libro ‘Cuore di tenebra’ di Joseph Conrad.

Come si può vedere dal trailer, i giocatori impersoneranno il capitano Willard nella missione di assassinio del rinnegato colonnello Kurtz, colpevole di aver creato una setta di sanguinari guerriglieri indigeni che lo venerano come se fosse una divinità.

Negli ultimi anni ho visto crescere a dismisura  le potenzialità dei videogiochi nel narrare storie, quindi sono eccitato dalle possibilità che Apocalypse Now può esplorare sulle nuove piattaforme e con le nuove generazioni” afferma il regista de “Il padrino” che benedice in questo modo il progetto.

Stando alle parole di Montgomery Markland, designer e game director di titoli come Wasteland 2 Torment: Tides of Numenera, il gioco si pone l’arduo compito di ridisegnare il concetto di esperienza interattiva, così come il film originale aveva sfidato il concetto di cinema. Tra le altre maestranze impegnate nel progetto vanno citati Josh Sawyer (Fallout: New Vegas) , Rob Auten (Gears of War, Battlefield) e Lawrence Liberty (The Witcher, DC Universe Online). Non è ancora chiaro se le scelte intraprese nel gioco potranno cambiare gli avvenimenti del film e dare luogo a filoni narrativi alternativi.

Per ora il progetto è stato lanciato su Kickstarter con un imponente obiettivo di 900.000 $, il cui successo tuttavia è altamente probabile visto i milioni di fan della pellicola.

Fonte



Si avvicina al medium videoludico grazie a uno scheletro piuttosto goffo, Sir Daniel Fortesque, protagonista di un certo Medievil. Tuttavia ai tempi è ancora troppo piccolo per comprendere quello che stava giocando e il mondo che lo circondava (oggi si illude che la situazione sia migliorata). Da quel momento la passione per i videogiochi lo prende e non lo lascia più. Per ora è un PC Gamer accanito ma non disdegnerebbe un ritorno su console. Ama tutto ciò che è inerente all'arte della narrazione. Half-Life, Fallout e Metro uber alles.