Facebook – Addio ai “Mi piace” degli account inattivi

Di Marco "Bounty" Di Prospero
6 Marzo 2015

Facebook è il conosciutissimo social network creato da Mark Zuckemberg, che ci permette di condividere foto, video, stati d’animo e molto altro ancora. Facebook però, soprattutto negli ultimi anni, è utilizzato anche per creare delle pagine relative ai più disparati argomenti, i cui aggiornamenti possono essere seguiti cliccando semplicemente sul tasto “Mi piace“. Può capitare però, che l’account con cui è stato messo “Mi piace”, possa essere diventato inattivo (in particolare, l’account è stato disattivato oppure appartiene ad una persona deceduta). Fino ad ora, Facebook non rimuoveva automaticamente questi utenti dalle pagine, lasciandoli tra i “fans” della pagina in questione. Naturalmente, così facendo, il numero di mi piace, non indicherebbe più il vero e magari, una pagina di migliaia di fans, sarebbe seguita in realtà da qualche centinaio.

cover pathPer questo motivo, dal 12 Marzo 2015, Facebook rimuoverà tutti gli account inattivi dalle pagine, rendendo il tutto più trasparente e realistico. Così facendo gli amministratori delle pagine, potranno capire meglio quanti sono gli utenti attivi che seguono costantemente i loro aggiornamenti.

Questo tipo di scelta da parte del social network, porterà svantaggio a quelle pagine che “comprano” iscritti, di cui la maggior parte sono inattivi e creati ad hoc. Naturalmente, nel caso in cui un account disattivato, tornasse attivo, il “Mi piace”, verrebbe contato nuovamente.

Vi ricordiamo infine, che la stessa politica è stata attuata qualche tempo fa, anche da Youtube, che ha rimosso dai canali, gli iscritti inattivi.

Restate su Uagna per nuovi aggiornamenti sulla questione.



Durante il giorno dipendente presso una società finanziaria. La sera nerd e videogiocatore. Per me l'intrattenimento videoludico è una forma d'arte grazie alla quale poter fantasticare e staccare la spina dallo stress giornaliero. Cresciuto a suon di Mortal Kombat, Metal Gear Solid e Resident Evil.