Kingdom Hearts III – L’analisi del trailer della D23 Expo Japan

Di Andrea "Geo" Peroni
10 febbraio 2018

Al panel della D23 Expo di Tokyo dedicato a Kingdom Hearts III, Square-Enix ha mostrato inaspettatamente un nuovo trailer dell’attesissimo gioco che continua ad essere confermato per il 2018 ma che purtroppo continua a restare senza una data di uscita. Questa, come è stato dichiarato oggi, verrà svelata ufficialmente all’E3 2018 probabilmente nel corso della conferenza Sony, storicamente legata alla serie ideata da Tetsuya Nomura, e quindi possiamo ipotizzare che l’arrivo di Kingdom Hearts III sul mercato si piazzerà tra la fine di ottobre e la prima metà di dicembre.

Nel trailer, chiamato Monsters, Inc. Trailer, che ancora una volta vi invito a vedere e che vi lascio qui sotto, abbiamo dato un primo sguardo proprio al mondo ispirato al film Pixar Monsters  & Co. e ad alcuni incredibili ritorni, tra alleati e villain che non vedevamo da molto tempo. Cerchiamo quindi di analizzare più nel dettaglio il nuovo trailer della  D23 Expo Japan di Kingdom Hearts III.

Dopo la frase che apre il trailer, la stessa vista nel trailer della D23 Expo di luglio dello scorso anno, la prima scena ha luogo in un fitto bosco  nel quale dalle fronde degli alberi filtra la luce del Sole. Possiamo ipotizzare, a giudicare dai colori e dallo stile, che si tratta del mondo ispirato al film Rapunzel, uno dei primi annunciati per il nuovo gioco Square-Enix e del quale abbiamo già visto più volte ambientazioni nel corso degli anni. Sora, Paperino e Pippo stanno cercando qualcuno, quando da un portale oscuro appare improvvisamente Marluxia con indosso le vesti dell’Organizzazione XIII. La cosa desta sicuramente scalpore, perché come ben sappiamo il personaggio di Marluxia è stato sconfitto in Kingdom Hearts: Chain of Memories dove era divenuto leader di una branca separatista dell’Organizzazione guidata da Xemnas, ma sappiamo anche, dai trailer precedenti, che anche il Nessuno di Xehanort farà il suo ritorno. Marluxia parla a Sora e afferma di essere un fedele discepolo della vera Organizzazione, quella cioè che il Maestro Xehanort sta formando e che darà guerra ai Guardiani della Luce in Kingdom Hearts III, mentre il portatore del Keyblade nomina i Nessuno. Faranno nuovamente parte del gioco, insieme agli irriducibili Heartless? Ci sono poi altri due aspetti curiosi in questa breve sequenza. Le iridi di Marluxia sono infatti di colore azzurro (o verde-acqua), e non gialli come il colore che contraddistingue gli occhi di chi è divenuto uno dei recipienti di Xehanort. Come fa dunque a far parte della nuova Organizzazione, se non è stato scelto come corpo per la reincarnazione del malvagio maestro? Inoltre, Marluxia conserva i ricordi dell’incontro con Sora al Castello dell’Oblio, mentre nessuno dei personaggio sembra ricordare chi sia il  nemico di fronte a loro. Ancora gli effetti della catena dei ricordi disgregata nel gioco originariamente uscito su Game Boy?

La scena si sposta ora, per un breve momento, nella camera da letto di Andy, dove vediamo Buzz Lightyear, Woody, Rex e Hamm appostati sul letto del ragazzo mentre pianificano di attaccare un Heartless che sta facendo la guardia. Prima che si decidano ad entrare in azione, però, qualcosa sotto il letto si muove: si tratta di Sora, Paperino e Pippo, che esattamente come abbiamo visto nel trailer dedicato a Toy Story vanno ad attaccare i mostri apparsi nel mondo dei giocattoli. Possiamo quindi desumere che quella che abbiamo appena visto sia la primissima scena che vedremo nel mondo ispirato al film Pixar, con i personaggi che stanno facendo i conti con l’invasione Heartless. A tal proposito, il filmato ci permette di dare uno sguardo più ravvicinato agli esseri oscuri, molto dettagliati e che ancora una volta si adatteranno al contesto di ogni mondo. L’Heartless chee vediamo qui, ad esempio, appare con una forma molto “giocattolosa”, con tanto di retrorazzi, pistola di plastica e casco protettivo.

E finalmente assistiamo al debutto del nuovo mondo oggi annunciato ufficialmente dopo le indiscrezioni delle scorse settimane, quello ispirato al film Pixar Monsters & Co.. La scena si apre con Sora, Paperino e Pippo, tutti e tre con skin notevolmente differenti e più “mostruose” per meglio adattarsi al mondo su cui si trovano, mentre entrano nella Monsters Inc. dove fanno la conoscenza di Mike Wazowski, James  “Sully” Sullivan e Boo, la piccola umana che come ben sappiamo riuscì nel film a penetrare nel mondo dei mostri. Il livello di dettaglio dei personaggi è molto elevato come del resto avevamo già apprezzato per Toy Story, e lo dimostrano elementi come il pelo di Sully che siamo sicuri scateneranno nuovi complimenti dalla Pixar a Nomura e il suo team.

Nella spettacolare sequenza successiva, suddivisa in due intermezzi, abbiamo la possibilità di dare uno sguardo più ampio prima a Mostropoli e poi alla Monsters Inc., più precisamente nel Reparto Spaventi. Vediamo la città sorvolata da elicotteri, segno forse che i mostri stanno cercando la piccola Boo come nel film, e possiamo apprezzare ancora  una volta i giganteschi spazi che potremo visitare in lungo e in largo. La parola d’ordine di Kingdom Hearts III sembra essere stata quella di riproporre le ambientazioni il più possibilmente precise, il che significa anche dire addio a spazi ristretti e aprirsi ad ampie aree come la città in questione o le montagne del regno di Rapunzel, che già ci avevano dimostrato come il team di Nomura stesse ampliando la sua visione grazie agli hardware di ultima generazione. Due ulteriori conferme da queste scene: la prima è che il party potrà essere composto anche da 5 (o più?) personaggi, considerando che Mike e Sully proseguono insieme a noi a Mostropoli e combatteranno anche nella sequenza successiva all’interno della fabbrica; la seconda è l’interfaccia di gioco, con la scheda dei comandi in basso a sinistra che modificherà il suo aspetto a seconda del mondo in cui ci troviamo come già avveniva in Kingdom Hearts II. Nomura ha inoltre deciso di dire addio all’interfaccia più moderna e riduttiva vista nei primissimi teaser trailer del gioco, per passare a qualcosa di classico senza però essere invasivo sull’immagine di gioco. Nel Reparto Spaventi, dove avviene la battaglia, possiamo inoltre osservare alcuni nuovi Heartless dalla forma alquanto bizzarra, esattamente come lo erano i mostri del film. Ma se ci fate caso, non si tratta degli unici nemici che Sora e il suo gruppo stanno combattendo…

Nella sequenza al Reparto Spaventi, dove viene mostrata anche un  nuovo attacco speciale del Keyblade che assume prima la forma di un attrezzo metallico molto grande e poi di due chiavi inglesi più piccole, che Sora utilizza con entrambe le mani per attaccare, si trovano non solo gli Heartless ma altre ben due tipologie di nemici, che i fan conoscono molto bene. I piccoli esseri di colore blu sono infatti i Nesciens, mostri generati dai sentimenti negativi e controllati, in Kingdom Hearts: Birth by Sleep, da Vanitas, letteralmente l’incarnazione di tutta l’oscurità di Ventus estratta all’epoca dal Maestro Xehanort. La loro presenza era già stata suggerita dagli screenshot trapelati nelle scorse settimane sul mondo di Monsters & Co.,  e suggeriscono inoltre la presenza di un nemico che, come vedremo successivamente, farà il suo incredibile ritorno. Non finisce qui, perché sempre nella stessa battaglia Sora deve fronteggiare un altro tipo di nemici, i quali però al momento sono privi di un’identità certa. Gli occhi rossi luminosi suggeriscono che si possano trattare di Nightmares, la forma malvagia dei Dream Eaters di Kingdom Hearts 3D: Dream Drop Distance, ma se stoppiamo il video in un brevissimo istante particolare (vi lascio l’ingrandimento qui di seguito) possiamo notare come il loro simbolo sulla coda sia differente da quello dei Dream Eaters e anche da quello dei Nesciens, unica altra razza ostile dotata di occhi rossi. Possibile che si tratti di una manifestazione reale dei Dream Eater e che quindi assumono un aspetto differente, anche nel loro segno di identificazione? Altro aspetto curioso che possiamo notare dalla battaglia al Reparto Spaventi è l’aspetto di Sora. Abbiamo visto il ragazzo, nella sua skin apposita per questo mondo, ricoperto da una peluria di colore grigio, la stessa che possiamo vedere all’inizio della sequenza. Quando però Sora scatena il potere alternativo del Keyblade, il pelo diventa di un colore arancione acceso. Che ci sia qualcosa di più, dietro a questa apparentemente innocua trasformazione del suo aspetto?

Dopo averci mostrato l’immenso reparto di smistamento porte della Monsters Inc., che potremo visitare, l’azione si sposta nel regno di Rapunzel dove vediamo ancora una volta in azione Sora, Paperino e Pippo accompagnati questa volta da Flynn e Rapunzel stessa che fanno parte del party di gioco e che fronteggiano gli Heartless “floreali” già visti in più occasioni in passato. In tutto questo, dopo aver mostrato qualche altro scorcio dell’immenso mondo che visiteremo, ecco che compare una nostra vecchia conoscenza, Ariel, la principessa di Atlantica e protagonista del film La Sirenetta. L’ipotesi più probabile, dato che la sirena non compare in forma fisica, è che si tratti  di una nuova invocazione che avremo a disposizione in Kingdom Hearts III, anche se non riusciamo a capire al momento in che modo potremmo apprenderla. Forse il mondo di Atlantica farà ritorno? Sempre nel regno di Rapunzel assistiamo a due  nuovi attacchi speciali del Keyblade, dopo il già visto Quick Claws. Innanzitutto  vediamo il Comandi di Tiro Shotlock che consuma barra Focus di Sora, un ritorno della meccanica introdotta in Birth by Sleep e che scatena una pioggia di proiettili sui nemici. Possiamo poi vedere un attacco molto speciale di Sora che si innalza su una torre e produce una sfera di luce che annienta gli Heartless sottostanti, e nuovamente un assaggio dell’Hyper Hammer, mossa speciale del Keyblade che troveremo nel mondo ispirato a Toy Story. È probabile che queste mosse resteranno confinate ai mondi di appartenenza, oppure al Keyblade, perché difatti Hyper Hammer ci viene mostrato nel mondo di Woody e Buzz come già avvenne nel trailer dello scorso luglio.

Nella spettacolare sequenza successiva, ambientata sempre nel mondo dei giocattoli, possiamo vedere quella che potrebbe essere una intensa boss fight contro un Heartless a forma di astronave giocattolo. Non è ben chiaro dove questa potrebbe avvenire, dato che sullo sfondo della battaglia  possiamo osservare il cielo e altri giocattoli come trenini che fluttuano senza essere appoggiati o attaccati a nulla. In ogni caso, Woody e Buzz ci daranno una grossa mano, perché li vediamo partire insieme a Sora a bordo del razzo (lo stesso del film Pixar, utilizzato dai due per raggiungere il loro proprietario) e proiettarsi in alto per procedere e attaccare il bersaglio.

Torniamo quindi ora alla Monsters Inc. dove assistiamo ad una nuova battaglia contro gli Heartless tra cui riconosciamo i Soldato e i Blu Ciccio.  È l’occasione giusta, per il trailer, per mostrarci altri tipi di attacco di cui saremo dotati, il che contribuisce all’idea che i combattimenti in Kingdom  Hearts III saranno estremamente variegati e con tante possibilità. Vediamo infatti  la mossa speciale Twin Yo-Yos, che come suggerisce il nome trasforma il Keyblade in due yo-yo con i quali è  possibile attaccare i nemici e finirli con una potente combo conclusiva che trasforma gli yo-yo in una  sorta di tenaglie che rinchiudono il mostro. Osserviamo inoltre Sora alle prese con il “nuovo” Flowmotion, il sistema di movimento e attacco introdotto nel capitolo su Nintendo 3DS e che era già stato confermato su Kingdom Hearts III, mentre sfrutta alcuni pali per colpire più nemici contemporaneamente roteando velocemente attorno ad esso. L’ultimo attacco speciale che vediamo, davvero esilarante, ha come protagonista  Mike Wazowski che viene utilizzato, data la sua forma sferica, da Sora come una palla da bowling per colpire un grosso numero di Heartless messi alle strette davanti ad un muro.

Il trailer sta per concludersi, ma c’è spazio ancora per alcune sorprese, ed entrambe hanno luogo alla Monsters Inc.. Nella fabbrica, infatti, Sora riesce a invocare Meow Wow, il suo principale compagno di avventure in Kingdom Hearts 3D: Dream Drop Distance e che appartiene, se ben ricordate, agli Spiriti, ossia la fazione buona dei Dream Eaters. Questo alimenta notevolmente la nostra ipotesi precedente, che vedeva nei nemici apparsi al Reparto Spaventi una forma sconosciuta dei Nightmares, la controparte malvagia degli Spiriti. Non si tratta dell’unico Spirito che vediamo, perché non appena l’attacco di Meow Wow si conclude questo esplode liberando molti altri Spiriti buoni come Ghostabocky, Iceguin Ace, Kooma Panda, Pricklemane e molti molti altri. Qui nascono però molti altri interrogativi. In Kingdom Hearts 3D ci è stato detto che questo tipo di nemici esistono solamente nel Regno del Sonno, quello cioè dove albergano i mondi che, una volta presi dall’oscurità, non riescono più a risvegliarsi. Come è possibile quindi che gli Spiriti e i Nightmare (ammesso che quello precedenti lo fossero) sono ancora presenti nell’universo di Kingdom Hearts? C’è un’ipotesi che mi affascina e che mi è venuta in mente analizzando il trailer. Le porte della Monsters Inc. sono letteralmente, come nel film, dei passaggi spaziotemporali per altri mondi. Nel film Pixar, ad esempio, le porte vengono sfruttare dai mostri per spaventare i bambini sulla Terra. E se le porte della fabbrica, in Kingdom Hearts III, avessero la stessa funzione, ossia aprire varchi per altri mondi? Forse, se così fosse, una delle porte si aprirebbe su uno dei mondi ancora dormienti, permettendo ai Nightmares e agli Spiriti di liberarsi,  ipotesi che viene rafforzata dal fatto che negli altri mondi mostrati, ossia Rapunzel e Toy Story, non vi è alcuna presenza di questi Dream Eaters.

L’ultima sorpresa del trailer riguarda l’apparizione di un nemico che credevamo perduto da tempo e che in realtà è ancora in circolazione, pericoloso e voglioso di portare a termine il suo compito iniziato in Birth by Sleep. Nella fabbrica di Mostropoli, infatti, irrompe ad un tratto Vanitas (ecco spiegata la presenza dei Nesciens, dato che sono originati da lui), che con il suo Keyblade punta Sora e afferma che ha ancora bisogno della metà del suo cuore, che riposa all’interno di Sora. Il ragazzo, pur non conoscendo il tizio mascherato, pronuncia il suo nome rimanendo confuso dalla cosa, permettendo a Vanitas di capire che il cuore di Ventus è ancora dentro di lui. Ven, infatti, al termine di Birth by Sleep, rimane in un sonno profondo che costringe Aqua a rinchiuderlo nel Castello dell’Oblio, poiché il suo cuore, rimasto devastato dalla battaglia contro Vanitas, ha trovato un nuovo recipiente più sicuro e in grado di accoglierlo. Si tratta proprio di Sora, che quindi, come già sapevamo, contiene al suo interno sia il suo cuore che quello di Ventus, necessario a Vanitas per poter dare  vita al famigerato χ-blade che occorre a Xehanort per dominare il Kindgom Hearts. Sicuramente un finale a sorpresa, che conferma una delle voci che volevano Vanitas come uno dei membri della nuova Organizzazione XIII come possiamo vedere dagli iconici vestiti che indossa. A questo punto sappiamo che la nuova versione dell’Organizzazione è formata da Xemnas, Ansem, Vanitas, Marluxia, Saix, Braig e Xehanort (la versione di Terra posseduta dal vecchio malvagio maestro, ovviamente). Chi saranno gli altri che si opporranno alla Luce?



Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.