Destruction AllStars è un flop? Gli sviluppatori introducono i bot a causa dei pochi giocatori

Di Andrea "Geo" Peroni
30 Maggio 2021

Lucid Games non lo dice apertamente, ma il sospetto è che Destruction AllStars si sia rivelato essere un buco nell’acqua per la software house e per Sony, che ha deciso di puntare sul gioco aggiudicandosene l’esclusiva.

Destruction AllStars, pubblicato a febbraio esclusivamente su PS5, non sembra avere una vasta comunità di giocatori online. Quindi, per aiutare a migliorare il matchmaking, gli sviluppatori hanno annunciato un update per aggiungere bot online.

La notizia dell’aggiunta di bot al gioco è stata rivelata in un post su Reddit dagli stessi sviluppatori, facendo ovviamente nascere discussioni. Nel post, gli sviluppatori di Lucid Games hanno illustrato i loro piani futuri per il gioco, e tra questi c’è la volontà, per non dire necessità, di aggiungere player bot per migliorare il matchmaking.

“Con una community delle dimensioni di Destruction AllStars, ha spiegato Lucid Games “Dispersa in tutto il mondo, abbiamo orari di punta e tempi bassi di attività dei giocatori per il matchmaking online”.

Secondo Lucid Games , i robot vengono aggiunti per aiutare a migliorare il matchmaking durante i periodi di crisi. La causa di questa mancanza di utenti attivi potrebbe anche certo essere causata dalle “poche” PS5 in circolazione e dalle forniture limitate, anche se i problemi di Destruction AllStars sembrano essere altri.

Lanciato non solo su PS Plus (e disponibile per ben due mesi) ma anche a pagamento alla modica cifra di 80€, l’impressione è che Destruction AllStars, successore spirituale di Twisted Metal, non abbia proprio funzionato come sperato, e che l’aggiunta dei bot sia causata principalmente dallo scarsissimo appeal che il gioco oggi registra. Per un titolo esclusivamente (o quasi) online, dover ricorrere a una strategia di questo tipo a meno di 4 mesi dal lancio è un bel problema.

Gli sviluppatori hanno comunque specificato che continueranno a supportare il gioco, e che presto arriveranno anche nuove modalità.

Fonte




Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.




Scrivi un commento