PETA lancia una campagna contro i giochi di caccia – Nel mirino Hunting Simulator 2

Di giangireds
5 Settembre 2020

La PETA, organizzazione animalista no-profit che spesso ha sollevato polemiche già in passato mettendo nel mirino diversi videogiochi, è tornata con un’altra diatriba. Questa volta è toccato a Hunting Simulator 2, ma precedentemente erano stati messi in discussione anche giochi come Pokémon; insomma, la denuncia verso titoli che, in un modo o nell’altro, trattano il tema della libertà degli animali, ha sempre fatto parte della strategia di comunicazione dell’associazione statunitense.

Questa volta, la richiesta di PETA è alquanto particolare e riguarda più nello specifico Hunting Simulator 2: la filiale francese dell’associazione animalista si è infatti messa in contatto con gli sviluppatori, proponendo di sostituire le armi da caccia con delle macchine fotografiche. È stata inviata una lettera ad Alain Flanc, direttore di Nacon (casa di sviluppo del titolo), chiedendo esplicitamente di cambiare, in maniera sostanziale, il gioco di caccia in modo da renderlo un “safari virtuale“, nel quale poter incontrare e fotografare centinaia di specie animali.

Il mondo dell’intrattenimento offre opportunità illimitate, e la trovo quasi una cosa da psicopatici emozionarsi nel momento in cui si spara a un altro essere vivente, anche se in un videogioco“, ha dichiarato Mimi Bekhechi, vicepresidente della PETA. “Nacon deve smettere di premiare la violenza e deve trasformare i personaggi di Hunting Simulator 2 in protettori dell’ambiente, cambiando le armi da caccia con delle macchine fotografiche.

Come già detto precedentemente, PETA ha sollevato diverse polemiche in passato anche per titoli che, obiettivamente, non c’entravano molto con la violenza verso gli animali; in questo caso, invece, hanno richiesto pubblicamente di trasformare un gioco di caccia in un safari liberamente esplorabile. Tuttavia, pensiamo che gli sviluppatori non saranno molto d’accordo, per il semplice fatto che il titolo è stato pensato e programmato per essere un simulatore di quel tipo.

Ricordiamo infine che Hunting Simulator 2 è stato rilasciato lo scorso 30 giugno per PS4, Xbox One e PC. A partire dal 3 novembre sarà disponibile anche per Nintendo Switch. Crediamo che le armi da caccia resteranno tali, e non si trasformeranno in delle Canon. Voi che ne pensate?

Hai Telegram? Clicca sull'icona per entrare nel canale



Ciao! Sono un ragazzo di 20 anni e nel tempo libero mi piace ascoltare la musica, guardare film e serie tv, praticare attività fisica, scrivere e videogiocare... Passioni abbastanza semplici, no? Così cerco di esprimere quello che provo quando mi immergo nel mondo dei videogiochi: attraverso semplici parole! 😊




Scrivi un commento