Ubisoft ridurrà gli AAA e proporrà molti più free to play dei suoi grandi franchise

Di Andrea "Geo" Peroni
12 Maggio 2021

Ubisoft cambia volto, almeno in parte, per rispondere a un mercato notevolmente cambiato negli ultimi anni.

Il colosso francese, nell’ultima chiamata agli investitori nella quale ha anche discusso dell’ulteriore rinvio di Skull & Bones, ha dichiarato che intende concentrarsi sullo sviluppo di molti giochi free to play di fascia alta dedicati ai suoi più grandi franchise, che comprendono nomi quali Assassin’s Creed, Far Cry e Watch Dogs.

Il direttore finanziario Frederick Duguet ha inoltre sottolineato che la nuova politica di Ubisoft si rispecchierà anche sulle grandi produzioni AAA, che diminuiranno di frequenza nei prossimi anni. L’azienda ha infatti dichiarato che il lancio di 3 o 4 giochi AAA ogni anno, come sempre (o quasi) accade da molti anni a questa parte, non fa più parte della filosofia di Ubisoft.

Ciò non significa ovviamente che l’azienda francese interromperà la produzione di giochi premium, ossia a pagamento, ma significa invece che i titoli free-to-play stanno diventando una parte più importante della sua attività. Abbiamo già avuto un chiaro esempio di questa nuova filosofia pochi giorni fa, con l’annuncio del free to play Tom Clancy’s The Division: Heartland.

Duguet ha affermato che Ubisoft “sta costruendo giochi free-to-play di fascia alta per tendere verso le ambizioni tripla A a lungo termine”. In altre parole, i titoli free-to-play avranno i valori di produzione degli altri giochi dell’azienda.

Ubisoft vede il free-to-play come un’opportunità per “espandere significativamente il pubblico dei nostri più grandi franchise”, ha continuato Duguet. “Ci siamo presi il tempo per imparare da quello che abbiamo fatto l’anno scorso con Hyper Scape. Stiamo anche imparando con il lancio di Roller Champions, abbiamo imparato molto con Brawlhalla che sta crescendo rapidamente, e pensiamo che sia giunto il momento di proporre giochi free-to-play di alta qualità in tutti i nostri più grandi franchise, su tutte le piattaforme”.

Il mondo dei free to play è in ascesa, e Ubisoft, oggi, non ha raccolto grandi successi in questo campo. Il battle royale Hyper Scape, ad esempio, ha una sua cerchia di appassionati, ma nulla che si possa paragonare a fenomeni mondiali quali Fortnite, Apex Legends e Call of Duty: Warzone.

Vedremo quindi presto un Assassin’s Creed completamente gratuito, o un Far Cry free to play dopo l’uscita del sesto capitolo?

Fonte



Abbiamo parlato di:

Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.




Scrivi un commento