La Storia – Call of Duty – Zombie Ascension

Di Filippo Giaccaglia
18 marzo 2011

LA STORIA DI ZOMBIE ASCENSION
I Nostri 4 eroi, sono scappati da Kino der Toten involontariamente, teletrasportati su una base spaziale sovietica. Durante il viaggio il Dr Ritchofen ha perso il cappello. [frame_right src=”http://www.uagna.it/wp-content/uploads/2011/03/Ascension-Piattaforma-lunare-250×100.jpg” href=”http://www.uagna.it/wp-content/uploads/2011/03/Ascension-Piattaforma-lunare-250×100.jpg”]Piattaforma Lunare[/frame_right] I 4 personaggi dopo la carneficina di zombie in Kino, li troviamo feriti e completamente ricoperti di sangue.Durante il viaggio nel teletrasporto, incontrano un personaggio, il famoso personaggio segreto del 5° quadro (sagoma nera) su Kino der Toten, quello che doveva essere il nuovo personaggio di ascension. Questo personaggio avrà problemi con Takeo Masaki, e appena teletrasportati sulla navicella nel tentativo di rubargli la spada cadrà e rimarrà intrappolato dentro il razzo di Ascension.I 4 personaggi principali lo inseguono con un modulo della navicella arrivando ad Ascension, mentre lui,ancora vivo, chiede aiuto. [frame_right src=”http://www.uagna.it/wp-content/uploads/2011/03/Razzo-200x.jpg” href=”http://www.uagna.it/wp-content/uploads/2011/03/Razzo-200x.jpg”]Razzo Ascension[/frame_right]Takeo e gli altri si accorgono di essere approdati su una base spaziale sovietica in un altra dimensione, di fatto mancano i colori. Gli zombie però non tardano ad arrivare e inizia la sfrenata lotta per la sopravvivenza per salvare il 5° personaggio intrappolato nel razzo. Si pensa che quando parte il razzo il personaggio segreto muoia nello spazio, ma queste sono solo ipotesi.
Sta di fatto che Ascension è la mappa Launch che trovate giocando in Multigiocatore ma in versione notturna e con qualche modifica.

Se ne sapete di piu fateci sapere nei commenti.
Grazie a tutti per la collaborazione



Dicono che sono un sognatore e che dovrei pensare a crescere di più. Dicono che non avrò mai una famiglia e che non metterò mai la testa a posto. Ma io me ne frego. Sono contento di essere il bambino "grande" con una famiglia di 500 mila nipotini.