Gli attori di Jojo Rabbit presentano il film al Torino Film Festival

Di Andrea "Geo" Peroni
25 Novembre 2019

Il giovane attore Roman Griffin Davis, che interpreta il protagonista Jojo “Rabbit” Betzler, e il produttore Carthew Neal sono stati protagonisti del 37° Torino Film Festival dove hanno presentato Jojo Rabbit, il nuovo film diretto dal regista neozelandese Taika Waititi (Thor: Ragnarok, Vita da vampiro) che arriverà nelle sale italiane il 16 gennaio 2020, distribuito da The Walt Disney Company Italia.

Film di apertura della kermesse cinematografica in programma dal 22 al 30 novembre, Jojo Rabbit è stato presentato venerdì sera alla cerimonia di apertura presso il Cinema Massimo di Torino, introdotta dal direttore del Torino Film Festival Emanuela Martini, alla presenza di numerose personalità del mondo dello spettacolo italiano e internazionale tra cui Carlo Verdone (Guest Director di questa edizione del Festival), Barbara Steele, Maurizio Zaccaro, Marco Tullio Giordana, Cristina Comencini, Bruce McDonald, Enzo Monteleone, Teona Strugar Mitevska, Daniel McVicar, Anna Mazzamauro, Vladimir Luxuria e altri ancora, oltre a diverse autorità cittadine.

Jojo Rabbit | Torino Film Festival

Un incredibile e magico evento ha aperto il Torino Film Festival: l'anteprima di #JojoRabbit. A parlarci del film sono arrivati il produttore Carthew Neal e il giovanissimo Roman Griffin Davis. 👦 #TFF37

Posted by Fox Searchlight Pictures on Sunday, 24 November 2019

Dopo la proiezione gli ospiti hanno potuto incontrare Roman Griffin Davis e il produttore Carthew Neal all’interno della Mole Antonelliana dove si è tenuto il consueto brindisi inaugurale.

Diretto da Taika Waititi, regista di Thor: Ragnarok e del mockumentary Vita da Vampiro – What we do in the Shadows con il quale vinse il premio per la Migliore sceneggiatura al Torino Film Festival nel 2014, Jojo Rabbit è tratto dal romanzo “Il Cielo in Gabbia” di Christine Leunens ed è una satira sferzante e spiazzante del nazismo e dei suoi miti. Jojo Rabbit ha vinto il People’s Choice Award all’ultimo Festival di Toronto.

Il film racconta la storia di un ragazzino di 10 anni, il giovanissimo Jojo Betzler (Roman Griffin Davis), che non riesce a relazionarsi con i suoi coetanei. Sempre impacciato, viene appunto chiamato Jojo Rabbit – coniglio – per sottolineare, con la crudeltà di certi bambini sostenuti dagli adulti in divisa nazista, le sue difficoltà. Per cercare di affrontare un mondo che gli sembra sempre ostile, Jojo si rivolge allora al suo amico immaginario che ha il volto di Adolf Hitler, interpretato dallo stesso regista Taika Waititi. Ma il giovanissimo comincia a porsi molte domande sulla legittimità di quanto gli viene insegnato a scuola e nel campo di addestramento, quando scopre che la madre (Scarlett Johansson) nasconde in soffitta Elsa (Thomasin McKenzie), una ragazza ebrea. Tra Jojo e Elsa nasce un’amicizia che porta il ragazzino a guardare con altri occhi quanto sta succedendo intorno a lui e a dubitare sulla bontà degli insegnamenti relativi al nazismo che riceve.



Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.