Assassin’s Creed Brotherhood

Di Filippo Giaccaglia
12 Gennaio 2012

Il 3° capitolo della saga di Assassin’s Creed, uscito nel 2010, inizia con l’arrivo a Monteriggioni di Desmond e dei suoi compagni. Qui troveranno un covo in Villa Auditore dove nascondersi e intanto riutilizzare l’Animus per cercare di recuperare la Mela dell’Eden in mano ai Templari. Desmond inizierà a rivivere i ricordi di Ezio Auditore, il quale tornato a Monteriggioni dalla zio Mario Auditore, scopre che la città è stata attaccata da Cesare Borgia, figlio di Rodigro.

La storia di Assassin’s Creed Brotherhood prosegue con l’uccisione di Mario durante la battaglia e Cesare riesce a rubargli la Mela che Ezio gli aveva consegnato. Divenuto Maestro Assassino, Ezio si dirige a Roma, dove recluta molta gente del popolo con l’odio verso i Borgia. Li addestra per farli diventare assassini e cosi da avere una mano per recuperare il manufatto. Alla fine Ezio riesce a far arrestare Cesare Borgia con l’accusa di omicidio del padre, liberare Roma e recuperare la Mela dell’Eden per poi nasconderla in un antico tempio nascosto sotto le rovine del Colosseo. Il 3° capitolo finisce con Desmond e il suo gruppo che si recano a Roma per recuperare il manufatto. Ma una volta dentro, Desmond incontrerà la Dea Giunone, la quale, prendendo il controllo sul suo corpo, lo costringerà a pugnalare la sua amica Lucy.



Dicono che sono un sognatore e che dovrei pensare a crescere di più. Dicono che non avrò mai una famiglia e che non metterò mai la testa a posto. Ma io me ne frego. Sono contento di essere il bambino "grande" con una famiglia di 500 mila nipotini.