Come uccidere Nashandra (Boss Finale) – Dark Souls 2

Di Lorenzo "Cloudark" Domaine
13 Aprile 2014

Dark-Souls-2-Nashandra-(Boss-Finale)-Siete arrivati (finalmente) dal boss finale di Dark Souls 2, Nashandra. Al contrario di Dark Souls, questo boss finale non è particolarmente impegnativo, vi basterà conoscere le sue debolezze e agire di conseguenza. Come preparazione alla battaglia vi consiglio di equipaggiarvi con oggetti abbastanza leggeri e di non portarvi uno scudo. Per le armi invece, raccomando un’arma che infligga danni di Fuoco o al meno danni da Magia.
Per quanto riguarda la battaglia, prima di entrare potrete evocare alcuni fantasmi perchè vi aiutino in battaglia a patto che abbiate interagito con essi abbastanza volte durante il gioco. Arrivando alla battaglia sono tre gli attacchi utilizzati da Nashandra. Il primo con cui creerà delle sfere attorno a lei le quali vi malediranno se vi avvicinerete troppo. Per annullarle vi basterà colpirle con un attacco. Il secondo è un raggio il quale è davvero pericoloso. Se lo scaglierà dal basso verso l’alto vi basterà schivarlo rotolando di lato mentre se lo farà girare per l’area basterà arretrare a sufficienza per venire schivati. Il terzo è il gruppo di attacchi fisici i quali non sono particolarmente pericolosi.
Come tattica io raccomando un mix di attacchi da distanza e attacchi ravvicinati. Infatti vi conviene attaccare con oggetti, magie… fino a quando Nashandra non esce dalla sua zona di orb. Una volta uscita vi basterà cambiare arma per utilizzarne una adatta al combattimento corpo a corpo in modo da infliggerle un buon numero di danni. Quando rievocherà le sue sfere vi basterà ripetere questo ciclo fino a quando non l’avrete uccisa (non ci vorrà molto tempo).
In ogni caso, se riuscirete a entrare in battaglia con almeno un fantasma e utilizzando un equipaggiamento leggere (in modo da schivare facilmente) non avrete alcun problema con Nashandra, il boss finale di Dark Souls 2.

Indice



Abbiamo parlato di:

Studente di Economia Aziendale presso l'università di Torino. Oltre agli studi, sono impegnato anche col lavoro da maestro di sci a Courmayeur che nella stagione invernale mi prende diverse ore. Il resto del mio tempo lo utilizzo per svolgere vari sport tra cui golf, trekking etc... Oltre a qualche uscita serale che non può mai mancare. La mia citazione preferita: "il cuore umano è come il riflesso sulla superficie dell'acqua... spesso la bocca dice il contrario di ciò che pensa il cuore" Il mio motto è : "The only limit, is the one, you set yourself"




Scrivi un commento