Ghost of Tsushima – Guida e consigli sui combattimenti

Di Matteo "bovo88" Bovolenta
20 Luglio 2020

Il sistema di combattimento Ghost of Tsushima è uno dei punti focali del gioco e per riuscire a portare a termine le varie missioni, di seguito vi forniremo qualche consiglio per padroneggiare al meglio i combattimenti.

Le posizioni di combattimento, i contrasti, le parate, le abilità uniche e le tattiche, hanno i loro punti di forza e debolezze, che consentiranno al protagonista Jin Sakai di affrontare un diverso tipo di nemici.

Affrontate ogni lotta

Non sarà una novità per chiunque abbia sperimentato giochi open world come Ghost of Tsushima, che premiano i giocatori per le schermaglie, ma dovreste cercare di affrontare ogni combattimento possibile durante l’esplorazione. Questo significa combattere i nemici mongoli sulla strada, liberare gli insediamenti occupati e intraprendere ogni ricerca se non per le ricompense fisiche che almeno per far crescere la leggenda di Jin e salire di livello più velocemente. Più livelli significa più abilità, e più combattimenti significano più esperienza, affrontando diversi tipi di nemici.

Sbloccate le posizioni il più presto possibile

Per sbloccare nuove posizioni di combattimento, dovrete osservare e uccidere i leader mongoli. Osservandoli prima e poi battendoli, potrete completare due checkpoint nei progressi di posizione, invece di uno solo.

Queste posizioni essenzialmente creano un gioco di carta, forbice, sasso contro i mongoli. I nemici usano armi diverse e negheranno completamente gli attacchi se non si è nella giusta posizione, quindi non sbloccare queste posizioni il prima possibile vi lascerà in uno svantaggio significativo.

Pianificate come inizierai a combattere

All’inizio del gioco, si affronteranno gli scontri  in un unico modo, poiché non si avranno molte armi da Spettro a disposizione. Una volta iniziato a costruire il proprio arsenale, tuttavia, si avranno più opzioni per interagire con i nemici.

A quel punto, dovrete pensare a come iniziare ogni combattimento. Fare un Confronto dà ai giocatori enormi quantità di determinazione con cui continuare un combattimento, quindi se si avrà poca determinazione all’inizio di un incontro, è consigliato avviare un Confronto per completare il combattimento.

Praticate Parate perfette

Una delle cose migliori che potrete padroneggiare è la parata perfetta. Come suggerisce il nome, si innesca quando parate nel momento esatto, in cui è necessario deviare così l’attacco del nemico e lasciarlo completamente aperto al contrattacco. Le abilità e gli amuleti futuri si basano su questa mossa, quindi è fondamentale dominarla presto.

Per aiutarvi a padroneggiare questa mossa, bisognerà trovare l’amuleto Mizu-no-Kami nel Santuario delle Cascate Primaverili. Inoltre se riuscirete a lasciare da solo un nemico in un incontro, considerate il fatto di lasciarlo in vita per esercitarvi nelle parate.

Cambiate spesso amuleti

L’amuleto nominato in precedenza è molto prezioso per le parate, ma è solo uno dei tanti che aiuteranno i giocatori a entrare e uscire dal combattimento. Il bello di questi ciondoli è che i giocatori non sono bloccati nelle loro scelte. Potrete infatti scambiare le cose come riterrete opportuno, senza alcuna punizione e senza restrizioni, salvo i limiti sugli accessi principali e secondari, quindi manteneteli scorrevoli per adattarsi alle diverse situazioni o vedere quali funzionano il vostro stile.

Investite nel vostro stile di gioco

Il modo migliore per giocare a Ghost of Tsushima e sfruttare al meglio le abilità di Jin, miscelando gli stili in suo possesso: il passato di samurai e il futuro di Spettro, ma quando non si hanno tanti punti da investire in abilità, non potrete esattamente ottenere una miscela perfetta sin da subito. Invece, vi consigliamo di investire in qualsiasi stile di gioco che si adatti a voi, prima che i punti inizino a defluire.

Hai Telegram? Clicca sull'icona per entrare nel canale


Abbiamo parlato di:

Appassionato di videogiochi e console di ogni tipo, tecnologia ed informatica. Amante dei manga ed anime giapponesi, e della cultura nipponica in generale. Ha iniziato a videogiocare molto giovane prima con SNES e Game Boy, per poi passare a PlayStation. Da allora ogni genere di gioco lo ha sempre affascinato. Gli piace informarsi e tenere informati su questo fantastico mondo virtuale.




Scrivi un commento