Horizon: Forbidden West, alcuni dettagli sulle nuove tribù

Di Andrea "Geo" Peroni
23 Novembre 2021

Lo sviluppatore di Horizon Forbidden West, Guerrilla Games, continua a rilasciare ulteriori informazioni sul nuovo gioco della serie, la cui uscita è fissata a febbraio 2022.

Dopo aver parlato dello sviluppo delle nuove macchine che troveremo in questo sequel, un nuovo post sul blog ufficiale di PlayStation degli sviluppatori di Guerilla si concentra questa volta sul mondo vivente del gioco, comprese le sue culture, gli insediamenti, le tribù e la tecnologia che dà vita a tutto.

Il post del leader della community di Guerrilla, Bo de Vries, cita il progettista leader del gioco, Espen Sogn, su come il suo team dà vita al mondo di Horizon. “Quando si cammina attraverso l’Ovest Proibito, tutto dovrebbe sentirsi come se vi appartenesse”, spiega Sogn. “Il team Living World di Guerrilla lavora su aspetti del gioco che fanno sembrare il mondo autentico e vivo: le tribù, gli insediamenti e le persone al loro interno. C’è un’intenzione dietro tutto ciò che mettiamo nel mondo”.

Mentre la maggior parte delle tribù dell’ambientazione post-apocalittica sono state introdotte anche solo come nome in Horizon: Zero Dawn, il sequel introdurrà fazioni come i bellicosi Tenakth e gli agrari Utaru mentre Aloy esplora i loro insediamenti e interagisce con la loro gente.

“All’interno dei loro insediamenti, vedrete i Tenakth lavorare, preparandosi per la battaglia”, ha detto Espen, discutendo su come il team adatta i dettagli forniti loro dagli autori del gioco. “Spesso sono più giovani perché devono essere abili guerrieri. La loro base è un’antica rovina, da cui hanno raccolto alcuni gesti del Vecchio Mondo che potrebbero non comprendere appieno, come usare un saluto militare per salutare”.

Il sapore di queste culture distinte è il risultato della collaborazione tra una serie di team diversi, comprendenti aspetti sia artistici che tecnici. Espen spiega anche come funziona il sistema per creare quelle culture realistiche definendo animazioni e comportamenti degli NPC.

“Quando i membri di una tribù sono nel loro insediamento, nei loro spazi sicuri, possono agire come se stessi”, ha spiegato Espen. “Gli Oseram sono una tribù sociale e storicamente patriarcale, quindi le loro animazioni sono più incentrate sui pugni sulla spalla e sul cinque alto. Gli Utaru, d’altra parte, sono rilassati, quindi spesso si siedono insieme e sono un po’ più permalosi. Mentre il giocatore si muove, questi sono potenziali suggerimenti subconsci che aiuteranno a visualizzare dove vi trovate nel mondo. Tutto questo accade all’interno della struttura narrativa del gioco. Dovreste essere in grado di identificare da lontano quale tribù state guardando.”

Queste diverse culture hanno ciascuna i propri insediamenti sparsi per l’Ovest Proibito, che Aloy potrà visitare nel gioco. Il primo che Aloy incontrerà è Chainscrape, un avamposto di confine di Oseram progettato per immergere il giocatore nel gioco e nella sua ambientazione. Altri insediamenti in tutto il mondo fungeranno da rifugio sicuro mentre Aloy esplora il mondo aperto, offrendo anche l’opportunità di acquistare rifornimenti, armi e abiti e potenziare l’equipaggiamento.

Vi ricordiamo che Horizon: Forbidden West uscirà il 18 febbraio 2022 su PS4 e PS5. Preordinando Horizon II da Amazon (box sottostante), avrete in omaggio anche una card PSN del valore di 20€ che potrete spendere per l’acquisto di altri giochi o prodotti.

Horizon: Forbidden West - Standard Edition - PlayStation 4
  • Unisciti ad Aloy nell'esplorazione dell'Ovest Proibito, una pericolosa frontiera che nasconde nuove e misteriose minacce.
  • Effettua il pre-ordine per ricevere questi bonus digitali nel gioco (sbloccabili progredendo nella storia): Abito lascito nora e Antica lancia Nora

Fonte



Abbiamo parlato di:

Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.




Scrivi un commento