L’ex boss di Call of Duty passa ad EA e si occuperà di Battlefield

battlefield V
Di Andrea "Geo" Peroni
7 Giugno 2021

Electronic Arts ha nominato Byron Beede nuovo SVP e general manager della serie Battlefield, di cui tra pochissimi giorni potremo assistere al reveal del nuovo capitolo.

Si tratta di una notizia decisamente importante, e che potrebbe modificare gli attuali equilibri del solito scontro a distanza tra i due grandi FPS del mercato videoludico. Beede, infatti, ha trascorso quasi 20 anni presso Activision Blizzard, dove più recentemente aveva anche assunto le cariche di vicepresidente esecutivo e direttore generale della serie Call of Duty.

Beede passa quindi alla “concorrenza”, dove ritrova un suo importante collega. Vince Zampella, un tempo a capo di Infinity Ward e co-fondatore di Respawn Entertainment, è da alcuni anni alla guida di DICE LA, la software house che si occupa appunto dello sviluppo del nuovo Battlefield.

LEGGI ANCHE: Battlefield 2042, emergono tanti dettagli!

Oltre all’annuncio di assunzione di Beede, EA ha anche affermato che la mossa “segnala un impegno strategico a lungo termine per la crescita del franchise”.

L’obiettivo di EA è ovviamente quello di recuperare il terreno perduto anche grazie a queste assunzioni strategiche. Sebbene in passato Battlefield e Call of Duty fossero caratterizzati da una forte rivalità, con enormi vendite da entrambe le parti, il franchise di Activision ha fatto un notevole passo avanti negli ultimi anni grazie ai successi di Modern Warfare e Warzone.

EA, al contrario, ha dovuto fare i conti con il flop imprevisto di Battlefield V, le cui vendite sono state di gran lunga inferiori alle aspettative dell’azienda – Andrew Wilson, CEO di Electronic Arts, ha affermato in passato che uno dei motivi dietro a tale flop sia stato il notevole ritardo nella pubblicazione della modalità battle royale Firestorm.

Non ci resta che attendere i prossimi giorni per vedere da vicino le prime immagini del nuovo capitolo della serie Battlefield, e scoprire cosa DICE ha in serbo per noi.

Fonte



Abbiamo parlato di:

Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.




Scrivi un commento