The Dark Pictures Anthology: House of Ashes, il nuovo video gameplay

Di Chiara Ferrè
27 Maggio 2021

Medio Oriente, 2003: una squadra composta da forze speciali, Marine e CIA si scontra con gli iracheni. Durante la feroce guerriglia, a causa di un improvviso terremoto, entrambe le fazioni sprofondano in una voragine e si ritrovano intrappolate nelle profondità della terra, in un antico tempio maledetto.

Questo è l’incipit di House of Ashes, il nuovo titolo dell’antologia horror di Supermassive Games in arrivo quest’anno su Xbox One, Xbox Series X/S, PS4, PC e PS5.

Durante una diretta su Youtube, il Game Director Will Doyle ha introdotto al pubblico il nuovo capitolo della The Dark Pictures Anthology. Dopo le leggende legate alla caccia alle streghe che abbiamo assaporato nel precedente titolo, Little Hope, House of Ashes ci porta invece ad esplorare l’antico mito legato a Naram-Sin, l’imperatore che regnò  attorno al 2250 Avanti Cristo in Mesopotamia. Dopo aver saccheggiato un tempio sacro, gli dèi maledissero il suo popolo. Il sovrano fece quindi erigere il maestoso tempio di Akkad per placare la loro ira, ma la costruzione fu rovinosamente inghiottita dal sottosuolo. Quello stesso luogo è ora un covo di mostruose minacce.

Come sottolineato da Will Doyle, House of Ashes è, come da tradizione, un racconto totalmente scollegato dai suoi due predecessori e può quindi essere vissuto come un’esperienza horror a sé stante. Le ispirazioni per questa nuova avventura vengono sia dal cinema (Aliens, Predator, The Descent) che dalla letteratura (H.P. Lovecraft, “Le Montagne della Follia”).

Dopo aver introdotto il nuovo gruppo di personaggi giocabili e le principali dinamiche del gameplay, il Game Director è passato ad elencare alcune delle maggiori novità che caratterizzano questo terzo capitolo: la telecamera è ora libera a 360 gradi, per una esplorazione più immersiva grazie anche all’utilizzo della torcia, che aiuterà il giocatore a scorgere i più bui anfratti del sottosuolo. Si potrà scegliere tra tre diverse difficoltà e anche la velocità dei Quick Time Events è ora regolabile, per consentire ai giocatori più o meno avvezzi di godersi al meglio l’esperienza. Restano le quattro modalità di gioco: Storia Condivisa, per giocare online con gli amici, Movie Night, per giocare in locale fino a 5 partecipanti, e le due modalità single player Versione Originale e Curator’s Cut, con quest’ultima che consente di rivivere l’avventura scoprendo il punto di vista di altri personaggi.

Dopo l’introduzione di Will Doyle, la diretta ci ha condotti nel fulcro dell’azione, mostrandoci una delle sequenze iniziali del gameplay. I due protagonisti sono il Marine ricognitore Nick e il suo compagno Jason, appena sprofondati nella voragine e in cerca di una via di fuga. Come si evince dal video, il giocatore si troverà ad esplorare cunicoli claustrofobici e ampi spazi che lasciano totalmente esposti. Tornano inoltre le “premonizioni”, che si attivano al ritrovamento di determinati oggetti durante l’esplorazione e forniscono indizi sulle possibili future morti violente dei personaggi.

Per sopravvivere durante l’avventura, il giocatore verrà messo di fronte a situazioni concitate e dilemmi morali in cui servirà lealtà, collaborazione e fiducia per riuscire a salvare tutti i protagonisti. La minaccia, questa volta, è doppia: c’è la fazione nemica, ma ci sono anche le mostruose creature del sottosuolo a mettere a dura prova le coronarie dei giocatori. Riusciranno gli uomini ad allearsi per sopravvivere alle bestie?

 



Abbiamo parlato di:

Ciao, sono Chiara. Cresciuta a pane, Harry Potter e Final Fantasy, ho da sempre una grande passione per la narrazione in tutte le sue forme: vivo di cinema, libri, videogiochi e serie TV. Durante la settimana scrivo, osservo il mondo e vedo gente. Nel tempo libero scrivo (sì, di nuovo), disegno, videogioco.




Scrivi un commento