Truffa PS5 Euromediashop, titolare si costituisce alle autorità ma i soldi sono scomparsi

Di Andrea "Geo" Peroni
16 Dicembre 2020

Vi ricordate la vicenda Euromediashop di cui abbiamo parlato alcuni giorni fa?

Facciamo un rapido riepilogo, anche se potete leggere molti più dettagli nella notizia che vi abbiamo lasciato qui sopra.

Nei primi giorni di dicembre Euromediashop, rivenditore online, ha messo in vendita un nuovo stock di PlayStation 5. Nel magazzino del negozio, stando a quando riportato, erano ancora conservate ben 500 unità, e dunque la campagna marketing del rivenditore ha provveduto a farlo sapere a tutti i potenziali acquirenti.

Non solo: il negozio in questione metteva in vendita PS5 addirittura sottocosto, cosa che ha destato non pochi sospetti. Del resto, si tratta di una console praticamente introvabile nel mondo, e appena uscita sul mercato. A quale pro metterla in vendita in sconto a due settimane dall’uscita, soprattutto se parliamo di un oggetto tanto desiderato?

Tutti gli indizi, compreso il famoso magazzino nel quale sarebbero contenute le fantomatiche 500 unità di PlayStation 5, sembravano puntare il dito verso una cosa sola: una colossale truffa. Il magazzino in questione non solo è completamente vuoto, ma è anche chiuso da più di due anni.

Canale 85, che aveva già fatto luce su alcuni fatti poco chiari della vicenda, ha riportato nella giornata di ieri che Christian Ciciriello, il titolare di Euromediashop, è uscito allo scoperto, e ha confessato alla Guardia di Finanza che quella del rivenditore online era in realtà una grande truffa ai danni dei consumatori.

Ciciriello ha confessato che la truffa ha colpito più di 13 mila acquirenti, e che ha fruttato ben 800 mila euro di guadagno al responsabile del fatiscente Euromediashop, salito alla ribalta nelle ultime settimane per l’improbabile operazione SalvaNatale nella quale venivano proposti alcuni prodotti di ultimissima generazione a prezzi stracciati. Basti pensare al caso di PS5, in vendita a meno di 350€.

L’uomo si è costituito alla Guardia di Finanza, dove, insieme al suo avvocato, ha raccontato alcuni dettagli della truffa e ha chiesto scusa alle persone che ha raggirato. Impossibile però dire al momento se questi acquirenti truffati saranno risarciti: il conto di Euromediashop è stato infatti prosciugato, e Ciciriello afferma che questi soldi sono stati interamente devoluti in beneficenza.

Ci sarà un Capitolo 3, di questa assurda storia?

Hai Telegram? Clicca sull'icona per entrare nel canale



Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.




Scrivi un commento