Ubisoft dice ufficialmente addio agli achievement nei suoi giochi a partire da AC Valhalla

Di Andrea "Geo" Peroni
14 Novembre 2020

Importante cambiamento in casa Ubisoft, che a partire dal già pubblicato Assassin’s Creed: Valhalla ha deciso di dire addio al proprio sistema di achievements e ricompense.

Ubisoft ha recentemente apportato alcune modifiche ai suoi servizi online, rinominando Uplay e Ubisoft Club per riunirli nella piattaforma Ubisoft Connect. Inoltre, Uplay+ è diventato Ubisoft+. Insomma, una serie di modifiche in vista della nuova generazione di videogiochi da affrontare. Non finisce qui.

Arriva Ubisoft Connect – Salvataggi cross-platform e altro ancora! Disponibile dal 29 ottobre

Un altro cambiamento è arrivato con il lancio di Assassin’s Creed Valhalla all’inizio di questa settimana: Ubisoft sta infatti eliminando gli achievements nei suoi giochi, e la cosa è intenzionale. Parola della stessa azienda francese, che ha confermato che l’assenza degli achievements in Assassin’s Creed Valhalla è intenzionale e che la cosa si ripeterà anche per i giochi futuri. 

Invece degli obiettivi per i nuovi giochi su Ubisoft Connect … abbiamo ampliato le sfide, che forniscono XP e altri premi in Ubisoft Connect. Sappiamo che questo è un grande cambiamento per molti di voi e apprezziamo la vostra comprensione.

La decisione non è andata particolarmente già a una buona fetta di utenti, che si chiedono cosa possa aver spinto Ubisoft ad eliminare il sistema di achievements del defunto Uplay che già era in grado di offrire ricompense e premi per coloro che acquistavano giochi del publisher come Assassin’s Creed, Watch Dogs, Far Cry e così via.

Il provvedimento, in ogni caso, si riferisce esclusivamente agli achievements delle piattaforme private di Ubisoft. Su PlayStation, Xbox e Steam, dunque, i Trofei/obiettivi/achievements continueranno a essere ottenibili e potrete sfoggiarli nel vostro profilo.

Fonte

Hai Telegram? Clicca sull'icona per entrare nel canale


Abbiamo parlato di:

Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.




Scrivi un commento