CAOS Warzone: raddoppiata per errore la potenza del Lanciarazzi

Di Federico "Blue" Marchetti
22 Maggio 2020

Una delle armi più controverse presenti in Call of Duty: Warzone è sempre stato il lanciarazzi. Molti giocatori in passato si sono lamentati della potenza di quest’arma, soprattutto quando si tratta di distruggere veicoli, e per questo motivo Infinity Ward aveva in programma di depotenziarlo.

Tutto corretto, se non che nell’ultimo aggiornamento di Warzone il lanciarazzi è stato segretamente e inverosimilmente potenziato. Questa indiscrezione è stata lanciata da TheXclusiveAce, che a seguito di alcune ricerche ha constatato che il lanciarazzi ora causa un danno maggiore. Se da una parte l’aggiornamento ha ridotto l’area di impatto da 10 metri a 9 (Reduced the RPG kill radius for players with full armor), sembra invece che il danno massimo sia stato aumentato da 150 a 250. Ciò consente ai giocatori di Call of Duty: Warzone di disintegrare i nemici con un singolo colpo, anche indirettamente, indipendentemente dal livello di salute o dall’armatura e dell’avversario. Prima dell’aggiornamento, era improbabile che un lanciarazzi potesse uccidere con un colpo solo un avversario con l’armatura completa, ora invece è possibile.

Non è chiaro il motivo per cui Infinity Ward abbia apportato questa modifica e perché non sia stato evidenziato nel changelog della patch. La conseguenza è che molti giocatori hanno iniziato ad utilizzare quest’arma in maniera più frequente del solito all’interno del gioco proprio per via di questa nuova peculiarità ma è probabile che la prossima settimana verrà finalmente depotenziato con il nuovo aggiornamento di Warzone.

Hai Telegram? Clicca sull'icona per entrare nel canale


Abbiamo parlato di:

Press play on tape: cresciuto a suon di C64 e Coin-op, mi diverto a seguire l'evoluzione videoludica next-gen. Co-Founder dell'universo Uagna, ho lavorato a fondo per far nascere una community videoludica di successo ma differente dalle altre esistenti. "Sono sempre pronto ad imparare, non sempre a lasciare che mi insegnino".




Scrivi un commento